/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

“Volevano la cassaforte, hanno provato anche a soffocarmi”. Il racconto di Lorenzo dopo la brutale rapina a Torre a Mare

“Volevano la cassaforte, hanno provato anche a soffocarmi”. Il racconto di Lorenzo dopo la brutale rapina a Torre a Mare

“Stavo studiando. A un certo punto ho sentito dei rumori provenire dalla finestra: c’erano tre persone, con una mano ho provato a impedire il loro ingresso in casa mentre con l’altra ho fatto partire una telefonata dal cellulare. È stata la mia fortuna...”. Inizia così il racconto di Lorenzo Basile, il 21enne vittima del brutale tentativo di rapina avvenuto lunedì pomeriggio all’interno di una villa tra San Giorgio e Torre a Mare. Un episodio ancora al centro delle indagini delle forze dell’ordine che stanno tentando di risalire all’identità dei tre banditi.

 

“Hanno rotto la finestra con un martello e sono entrati in casa – prosegue nel racconto il ragazzo -. Ho provato a rifugiarmi in cucina scagliando contro di loro una sedia. Non è servito. Uno dei tre mi ha dato un cazzotto. Poi mi hanno buttato a terra e, mettendomi un cuscino in testa per soffocarmi, mi hanno chiesto della cassaforte e dei gioielli”.

 

Nel video, anche la testimonianza della madre del giovane, Loredana Liso.

“Volevano la cassaforte, hanno provato anche a soffocarmi”. Il racconto di Lorenzo dopo la brutale rapina a Torre a Mare
Watch the video

“Volevano la cassaforte, hanno provato anche a soffocarmi”. Il racconto di Lorenzo dopo la brutale rapina a Torre a Mare

“Stavo studiando. A un certo punto ho sentito dei rumori provenire dalla finestra: c’erano tre persone, con una mano ho provato a impedire il loro ingresso in casa mentre con l’altra ho fatto partire una telefonata dal cellulare. È stata la mia fortuna...”. Inizia così il racconto di Lorenzo Basile, il 21enne vittima del brutale tentativo di rapina avvenuto lunedì pomeriggio all’interno di una villa tra San Giorgio e Torre a Mare. Un episodio ancora al centro delle indagini delle forze dell’ordine che stanno tentando di risalire all’identità dei tre banditi.

 

“Hanno rotto la finestra con un martello e sono entrati in casa – prosegue nel racconto il ragazzo -. Ho provato a rifugiarmi in cucina scagliando contro di loro una sedia. Non è servito. Uno dei tre mi ha dato un cazzotto. Poi mi hanno buttato a terra e, mettendomi un cuscino in testa per soffocarmi, mi hanno chiesto della cassaforte e dei gioielli”.

 

Nel video, anche la testimonianza della madre del giovane, Loredana Liso.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.