/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Poliziotta di Toritto morta per infezione da calcolo renale: imputato un medico, archiviata la posizione degli altri due

Poliziotta di Toritto morta per infezione da calcolo renale: imputato un medico, archiviata la posizione degli altri due

Il Tribunale di Taranto ha disposto l'imputazione coatta per omicidio colposo a carico di un medico e l'archiviazione per altri due medici, nell'ambito di uno dei procedimenti avviati dopo la morte di Angela Valeria Lepore: la 27enne di Toritto, agente di Polizia Penitenziaria, deceduta nel luglio 2014 per una infezione da calcolo renale.

Sciogliendo la riserva sulla opposizione alla richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura di Taranto, il gip Giuseppe De Francesca ha escluso la responsabilità dei due medici del pronto soccorso di Manduria che per primi ebbero in cura la ragazza, ravvisando invece presunte responsabilità nei confronti dell'urologo dell'ospedale Santissima Annunziata di Taranto dove la paziente fu trasferita dopo alcune ore. Secondo il giudice, una Tac eseguita immediatamente o una adeguata terapia antibiotica avrebbero potuto consentire una diagnosi precisa ed evitare l'infezione che ha poi portato la 27enne alla morte.

Sulla vicenda pende anche un altro processo per omicidio colposo, iniziato nei giorni scorsi dinanzi al Tribunale Monocratico di Taranto, a carico del medico che eseguì il primo dei tre interventi chirurgici a cui la paziente fu sottoposta nell'arco di 40 ore. Lo stesso medico rischia anche un processo per falso per aver falsificato - secondo l'accusa - le firme del consenso informato.

Inizialmente l'inchiesta sul decesso era stata aperta dalla Procura di Bari che aveva indagato 20 medici (per 17 c'è stata archiviazione) delle tre strutture sanitarie: il pronto soccorso di Manduria dove la ragazza si era recata per un malore all'addome, l'ospedale Maria Santissima Annunziata di Taranto e il Policlinico di Bari dove era stata poi ricoverata e sottoposta alle operazioni di rimozione di un calcolo renale, di impianto di un polmone artificiale e, infine, di craniectomia.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.