/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Barivecchia e Libertà al setaccio, trovate 4 pistole e due chili e mezzo tra marijuana e hashish: un arresto

Barivecchia e Libertà al setaccio, trovate 4 pistole e due chili e mezzo tra marijuana e hashish: un arresto

Un 24enne residente al quartiere Libertà, già sottoposto ai domiciliari per il reato di estorsione, è stato colto in flagrante mentre, affacciato al balcone, lanciava a un uomo un caricatore contenente tre proiettili calibro 7.63. Notato il gesto del ragazzo, i militari hanno perquisito anche l’abitazione del soggetto. Su un armadio della camera da letto, nascosta in una busta, hanno trovato una pistola di fabbricazione russa. Con l’accusa di detenzione illegale di arma da sparo, per il 24enne si sono aperte le porte del carcere di Bari, mentre l’uomo che ha raccolto il caricatore per strada è stato denunciato in stato di libertà per il reato di detenzione illegale di munizionamento.

 

In un’altra operazione che ha interessato la zona di Barivecchia, i Carabinieri, ispezionando un terrazzo condominiale hanno scoperto, all’interno di un gazebo abusivo adibito a palestra, un giubbotto antiproiettile munito di pannelli balistici professionali. Inoltre, dentro un boiler per la riserva dell’acqua, sono state rinvenute due buste contenenti circa un chilo e mezzo di marijuana, 10 “panetti” di hashish per un peso di un chilo, un bilancino di precisione perfettamente funzionante e circa 300 bustine trasparenti utilizzate per confezionare le singole dosi.

 

Infine i militari hanno notato che dietro una guaina di bitume era nascosta una cassaforte murata. All’interno c’erano 3 pistole pronte a essere utilizzate: una a tamburo marca Zastava calibro 357 Magnum, con matricola abrasa, completa di caricatore e 4 cartucce, una pistola semiautomatica marca Beretta calibro 7.65 con 7 cartucce nel caricatore e una Beretta semiautomatica calibro 9, sempre con matricola abrasa, munita di caricatore completo di 14 colpi. La droga è stata sequestrata per le analisi del caso al fine di stabilirne il principio qualitativo e quantitativo.

 

Le armi, invece, immediatamente messe in sicurezza, saranno sottoposte agli accertamenti balistici al fine di verificare se le stesse siano state utilizzate in episodi criminosi. Sono in corso indagini da parte dei Carabinieri per risalire alla paternità sia della droga che delle 3 pistole sequestrate nel Borgo Antico.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.