/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Sgominato traffico di droga dall'Albania alla Puglia: 43 arresti. Bari al centro dell’organizzazione criminale - VIDEO

Sgominato traffico di droga dall'Albania alla Puglia: 43 arresti. Bari al centro dell’organizzazione criminale - VIDEO

È in corso in queste ore in Albania e in Italia un'operazione della Direzione investigativa antimafia di Bari, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, contro due potenti organizzazioni criminali responsabili di un traffico internazionale di stupefacenti dai Balcani all'Italia. I due gruppi, operanti a Bari e provincia, vantano ramificazioni, oltre che in Albania, anche in Sicilia, Campania, Calabria e Abruzzo.

Circa duecento uomini della DIA, con l'ausilio di carabinieri, polizia e guardia di finanza, dell'Interpol e della polizia albanese, stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 43 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga: nello specifico sono stati sequestrati oltre 2300 chili di marijuana, cocaina ed eroina sottraendo alle associazioni criminali proventi stimati in oltre 15 milioni di euro per un totale di circa 7 milioni di dosi singole ricavabili dallo spaccio al dettaglio.

Nel corso dell'indagine, denominata Shefi e avviata nel maggio 2016 dal Centro operativo DIA di Bari, sono stati intercettati potenti scafi partiti dall'Albania e sbarcati in Puglia, nonché accertati depositi ubicati in Bari e Provincia e trasporti sull’asse Puglia-territorio nazionale effettuato “via terra” da corrieri italiani con “veicoli staffetta”.

A Bari, la Dia ha localizzato un deposito per lo stoccaggio nel quartiere Carrassi, dove ha individuato un cittadino albanese, considerato al vertice di una delle due organizzazioni criminali, in grado di avvalersi di pluripregiudicati italiani, alcuni dei quali condannati per associazione di tipo mafioso, impiegati come custodi e corrieri “all’ingrosso” della droga proveniente dall’Albania.

Le complesse indagini hanno permesso, inoltre, di arrestare “in mare”, a Polignano, due scafisti provenienti dall’Albania con oltre una tonnellata di stupefacente. Di fermare, ancora a Carrassi, un corriere italiano con un furgone carico di oltre mille chili di marijuana sbarcata poco prima a Torre a Mare dall’Albania. Di intercettare in autostrada, a Grottaminarda e a Vasto, due corrieri italiani mentre trasportavano 13 chili di droga destinata a Salerno e a Tortoreto. Di arrestare due corrieri albanesi con 8 chili di stupefacente a Scicli, dopo essere scesi da un autobus proveniente da Bari. E di individuare un altro deposito a Mola di Bari all’interno del quale sono stati sequestrati oltre cinquanta chili di droga.

I provvedimenti cautelari sono stati eseguiti in Albania (in esecuzione di un mandato d’arresto internazionale) e nelle province di Bari, Bat, Brindisi, Potenza, Bologna, Salerno, Ragusa e Teramo. In manette sono finiti 20 italiani, 21 albanesi e 2 rumeni.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.