/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Altamura, beccato sul fatto si lancia da un balcone a 5 metri d’altezza: arrestato topo d’appartamento 23enne

Altamura, beccato sul fatto si lancia da un balcone a 5 metri d’altezza: arrestato topo d’appartamento 23enne

Stava rubando dei fucili tipo soft air in un’abitazione in fase di ristrutturazione e una volta sorpreso dai proprietari si è lanciato nel vuoto dal balcone per sfuggire alla cattura. È accaduto nella notte tra il 2 e 3 novembre scorso ad Altamura quando un cittadino, con una chiamata al 112, riferiva di aver udito dei rumori provenienti dall’appartamento di sua proprietà sito al piano inferiore e di aver notato, affacciandosi alla finestra, che alcuni giovani stavano compiendo un furto: alle urla del proprietario, quindi, i giovani si davano alla fuga e uno di essi si lanciava nel vuoto dal balcone posto ad un’altezza di cinque metri. Gli altri due complici, che si trovavano in strada, fuggivano immediatamente lasciando a terra un borsone contenente la refurtiva.

L’intervento di una pattuglia dei Carabinieri consentiva di recuperare il borsone che conteneva alcuni fucili soft air custoditi dal proprietario nel suo appartamento e di rinvenire nelle immediate vicinanza una Lancia Y, risultata poi rubata ad Altamura pochi giorni prima, utilizzata verosimilmente dai ladri per recarsi sul luogo del furto. Sull’asfalto, tra l’altro, i militari avevano notato anche evidenti macchie di sangue sull’asfalto.

I Carabinieri, acquisita la descrizione dettagliata degli indumenti indossati dai malfattori, si recavano quindi presso l’ospedale Perinei di Altamura dove effettivamente i sanitari riferivano che poco prima era stato accompagnato un ragazzo di 23 anni che presentava gravi lesioni traumatiche al capo e al viso.

È stato sufficiente riscontrare che gli indumenti indossati dal giovane giunto al pronto soccorso corrispondessero alla descrizione fornita dalla vittima per sostenere che si trattava di uno di ladri sorpresi a rubare. Per il giovane, già noto alle forze dell’ordine, sono scattati quindi gli arresti domiciliari per concorso in furto aggravato e ricettazione.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.