/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, scovata droga nascosta in bidoni sotterrati nelle campagne di Japigia. Arrestati anche tre pusher

Bari, scovata droga nascosta in bidoni sotterrati nelle campagne di Japigia. Arrestati anche tre pusher

Tre pusher arrestati e un ingente quantitativo di droga recuperato: questo il bilancio di mirati controlli effettuati dai Carabinieri nei giorni scorsi nel quartiere Japigia, a Bari.

Il primo degli spacciatori a cadere nella rete è stato un pregiudicato 44enne. L’uomo è stato colto in flagranza dai Carabinieri, appostati nelle immediate vicinanze della sua abitazione, mentre cedeva una dose di cocaina a un acquirente ricevendo in cambio 30 euro.

Stessa sorte è capitata a un 25enne, vecchia conoscenza dei militari in quanto più volte tratto in arresto per lo stesso reato. Il giovane, affacciato alla finestra della sua abitazione, è stato beccato dai Carabinieri mentre comunicava all’acquirente di turno il prezzo di una dose di cocaina del peso di 2 grammi che successivamente ha provveduto a lanciare direttamente dalla sua stanza.

Il terzo uomo arrestato è un 29enne, con diversi precedenti anche specifici in materia di stupefacenti, sorpreso in viale Japigia nell’atto di cedere una dose di cocaina a un acquirente giunto sul posto in auto insieme ad altri amici in cambio di 25 Euro. Il ragazzo, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di un’altra dose di hashish pronta per lo spaccio e di 440 euro in banconote di piccolo taglio.

I tre, sottoposti alla misura pre-cautelare degli arresti domiciliari, dovranno rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

Sempre a Japigia poi, nelle campagne retrostanti le palazzine di via Caldarola, i militari hanno ritrovato e sequestrato oltre un chilo di cocaina purissima, due chili di hashish e sei chili e mezzo di marijuana. La droga, per un valore di mercato al dettaglio stimato in quasi 200mila euro, era nascosta in alcuni bidoni sotterrati in diverse zone della campagna. Sulla circostanza, indagano i Carabinieri.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.