/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, aggressione omofoba in largo Adua: arrestato il sesto componente del branco dopo 9 mesi

Bari, aggressione omofoba in largo Adua: arrestato il sesto componente del branco dopo 9 mesi

È stato arrestato dopo nove mesi di indagini il sesto dei presunti responsabili dell’aggressione omofoba avvenuta in largo Adua, nel cuore della movida barese, lo scorso 8 giugno. A finire in manette un 18enne, all’epoca dei fatti minorenne, ritenuto responsabile dei reati di rapina pluriaggravata e lesioni aggravate in concorso. Le due vittime – un italiano ed un cittadino spagnolo – erano state apostrofate con offese umilianti e di stampo omofobo e poi picchiate con violenza da un gruppo di sette giovani, di cui tre minorenni.

 

Nel corso del pestaggio, i due giovani aggrediti avevano riportato lesioni al viso ed alla testa ed erano stati rapinati di alcuni oggetti in oro e argento che indossavano. Le immagini video acquisite dalla Squadra Mobile hanno consentito di ricostruire nel dettaglio la vicenda e, soprattutto, le particolari modalità violente attuate dagli aggressori. Lo scorso 16 ottobre erano già finiti in manette i pregiudicati baresi Raffaele Giammaria e Domenico Valentino. Successivamente, nel mese di febbraio sono stati arrestati altri due minorenni, con precedenti penali per rapina pluriaggravata.

 

Infine, era stato individuato anche Luciano Damiani, pregiudicato 28enne, che dopo i fatti dell’anno scorso aveva provato a fuggire in Spagna, lì dove è stato preso grazie a un Mandato d’Arresto Europeo, emesso dal GIP presso il Tribunale di Bari, e dopo un breve periodo di detenzione presso il carcere di Madrid è stato estradato in Italia, lo scorso 8 marzo. La vicenda è stata segnalata all’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori istituito presso il Ministero dell’Interno per la tutela delle vittime dei reati a sfondo discriminatorio (hate crimes). Proseguono le indagini per l’identificazione del settimo aggressore.

Bari, aggressione omofoba in largo Adua: arrestato il sesto componente del branco dopo 9 mesi
Watch the video

Bari, aggressione omofoba in largo Adua: arrestato il sesto componente del branco dopo 9 mesi

È stato arrestato dopo nove mesi di indagini il sesto dei presunti responsabili dell’aggressione omofoba avvenuta in largo Adua, nel cuore della movida barese, lo scorso 8 giugno. A finire in manette un 18enne, all’epoca dei fatti minorenne, ritenuto responsabile dei reati di rapina pluriaggravata e lesioni aggravate in concorso. Le due vittime – un italiano ed un cittadino spagnolo – erano state apostrofate con offese umilianti e di stampo omofobo e poi picchiate con violenza da un gruppo di sette giovani, di cui tre minorenni.

 

Nel corso del pestaggio, i due giovani aggrediti avevano riportato lesioni al viso ed alla testa ed erano stati rapinati di alcuni oggetti in oro e argento che indossavano. Le immagini video acquisite dalla Squadra Mobile hanno consentito di ricostruire nel dettaglio la vicenda e, soprattutto, le particolari modalità violente attuate dagli aggressori. Lo scorso 16 ottobre erano già finiti in manette i pregiudicati baresi Raffaele Giammaria e Domenico Valentino. Successivamente, nel mese di febbraio sono stati arrestati altri due minorenni, con precedenti penali per rapina pluriaggravata.

 

Infine, era stato individuato anche Luciano Damiani, pregiudicato 28enne, che dopo i fatti dell’anno scorso aveva provato a fuggire in Spagna, lì dove è stato preso grazie a un Mandato d’Arresto Europeo, emesso dal GIP presso il Tribunale di Bari, e dopo un breve periodo di detenzione presso il carcere di Madrid è stato estradato in Italia, lo scorso 8 marzo. La vicenda è stata segnalata all’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori istituito presso il Ministero dell’Interno per la tutela delle vittime dei reati a sfondo discriminatorio (hate crimes). Proseguono le indagini per l’identificazione del settimo aggressore.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.