/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari, in fiamme i rifiuti della Lama a Mungivacca. I Rangers: “Rischio annunciato due settimane fa” - VIDEO

Bari, in fiamme i rifiuti della Lama a Mungivacca. I Rangers: “Rischio annunciato due settimane fa” - VIDEO

Un incendio si è sviluppato questa mattina sotto il ponte della statale 100 all’ingresso di Bari. Ancora da chiarire le cause che hanno determinato il rogo, ma non si esclude l'origine dolosa. Il fumo generato dall'incendio ha causato anche un inevitabile rallentamento della circolazione. Non è la prima volta che si sviluppano incendi nelle zone di Japigia, Ceglie del Campo e Mungivacca, dovuti soprattutto alla presenza di rifiuti abbandonati. Su denuncia dei cittadini, lo scorso 12 marzo, proprio nel corso del Tg serale di Telebari ci eravamo occupati del fenomeno, illustando la situazione rifiuti della Lama a Mungivacca, in compagnia dei Rangers. E come documentato dalle immagini, la situazione era apparsa già estremamente critica. Un rischio annunciato con ben due settimane di anticipo, senza che vi sia stato posto alcun rimedio.

Bari, in fiamme i rifiuti della Lama a Mungivacca. I Rangers: “Rischio annunciato due settimane fa” - VIDEO
Watch the video

Bari, in fiamme i rifiuti della Lama a Mungivacca. I Rangers: “Rischio annunciato due settimane fa” - VIDEO

Un incendio si è sviluppato questa mattina sotto il ponte della statale 100 all’ingresso di Bari. Ancora da chiarire le cause che hanno determinato il rogo, ma non si esclude l'origine dolosa. Il fumo generato dall'incendio ha causato anche un inevitabile rallentamento della circolazione. Non è la prima volta che si sviluppano incendi nelle zone di Japigia, Ceglie del Campo e Mungivacca, dovuti soprattutto alla presenza di rifiuti abbandonati. Su denuncia dei cittadini, lo scorso 12 marzo, proprio nel corso del Tg serale di Telebari ci eravamo occupati del fenomeno, illustando la situazione rifiuti della Lama a Mungivacca, in compagnia dei Rangers. E come documentato dalle immagini, la situazione era apparsa già estremamente critica. Un rischio annunciato con ben due settimane di anticipo, senza che vi sia stato posto alcun rimedio.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.