/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bando Macchinari Innovativi: nuove agevolazioni per le imprese del Mezzogiorno

Bando Macchinari Innovativi: nuove agevolazioni per le imprese del Mezzogiorno

È stato pubblicato di recente in Gazzetta Ufficiale del 17 luglio 2018 il decreto del MISE, che dà il via al nuovo Bando Macchinari Innovativi, rivolto alle imprese del Sud Italia che intendano effettuare investimenti per l’ammodernamento delle loro attrezzature. Si tratta di un’agevolazione molto interessante: i fondi stanziati sono oltre 340 milioni di euro e sono diverse le realtà che potrebbero trarne giovamento. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, quali requisiti bisogna possedere per avere accesso a questo bando e quali incentivi economici sono previsti.

Bando Macchinari Innovativi: a chi è rivolto

Il bando è rivolto a tutte le micro, piccole e medie imprese del settore manifatturiero che risultano già attive in alcune regioni del Sud Italia e in particolare in Basilicata, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia. Tali aziende devono avere un codice ATECO specifico e in particolare rientrare nella sezione C delle attività economiche ma sono esclusi alcuni settori ossia:

  • Estrazione del carbone;
  • Costruzione navale;
  • Siderurgia;
  • Trasporti e infrastrutture collegate;
  • Fabbricazione di fibre sintetiche;
  • Produzione e distribuzione di energia.

Le spese ed i progetti ammessi dal bando

Sono ammessi al bando i seguenti progetti:

  • Realizzazione di nuove unità produttive;
  • Diversificazione della produzione;
  • Trasformazione del processo di produzione già esistente;
  • Ampliamento della capacità produttiva.

Sono ammesse al bando le seguenti spese:

  • Spese per l’acquisto di macchinari e attrezzature utili per il progetto;
  • Spese per l’acquisto di impianti funzionali al progetto;
  • Spese per l’acquisto di software informatici e licenze.

Finanziamenti e contributi previsti

Il bando Macchinari Innovativi prevede un finanziamento a fondo perduto ed un finanziamento a tasso agevolato. Le percentuali cambiano a seconda della tipologia dell’impresa:

  • Le micro e piccole imprese possono ottenere un finanziamento a fondo perduto del 35% ed un finanziamento a tasso zero del 40%;
  • Le medie imprese possono ottenere un finanziamento a fondo perduto del 25% ed un finanziamento a tasso zero del 50%.

I contributi coprono quindi fino all’80% ddelle spese totali ammissibili.

Quali sono i requisiti per accedere al bando?

Il bando prevede dei requisiti specifici e bisogna possederli tutti al momento della presentazione del bando per poter accedere e ottenere il finanziamento:

  • Iscrizione regolare al Registro delle Imprese;
  • Imprese attive e non in difficoltà;
  • Regime di contabilità ordinaria (con almeno 2 bilanci depositati presso il registro delle Imprese e regolarmente approvati);
  • Rispetto delle norme vigenti in termini di edilizia, urbanistica, lavoro, salvaguardia ambientale e obblighi contributivi;
  • Assenza di delocalizzazioni verso l’unità produttiva per almeno 2 anni.

Come partecipare al bando?

Attualmente il bando non è ancora stato aperto, quindi conviene tenersi aggiornati in modo da presentare la domanda non appena possibile. Noi consigliamo sempre di affidarsi ai professionisti del settore per questo genere di pratiche perché ci sono diverse cose da considerare. La stessa documentazione richiesta è fondamentale e non vale proprio la pena perdere questa opportunità. Il bando verrà aperto a breve e ne sarà data comunicazione ufficiale nelle prossime settimane.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.