Home Economia Bari, la denuncia della Cgil: “In Puglia aumentano morti e infortuni sul...

Bari, la denuncia della Cgil: “In Puglia aumentano morti e infortuni sul lavoro”

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

In Puglia in aumento morti e infortuni sul lavoro. E’ la denuncia della Cgil che invita a investire su prevenzione e formazione. “Nei primi otto mesi dello scorso anno le denunce di infortuni sono state 20.812, circa 1.600 in più dello stesso periodo nel 2015 – spiega Pino Gesmundo, segretario generale della Cgil regionale – un numero elevato. Il ricatto di un reddito a qualunque costo spinge ad accettare qualunque condizione di lavoro e a lucrare sono imprenditori senza scrupoli. Il settore più colpito è quello dell’industria e servizi e un terzo delle denunce è in provincia di Bari. In tremila casi hanno riguardato ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Quanto agli infortuni mortali sono stati 49, tre in più del 2015″. “Chiediamo alle istituzioni e alle parti datoriali – afferma Gesmundo – di attivare percorsi comuni che evitino tragedie come quella recente di Francavilla Fontana, partendo dalla prevenzione. La Cgil ha un suo piano e chiediamo che possa essere condiviso. Di certo la giovanissima età di molte vittime di infortuni ci dice di come poco si investa invece sulla formazione del personale e di contro ancor meno sulle misure di sicurezza”. 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui