Home Apertura Bari, le radici spaccano la pista ciclabile: pericolo su due ruote in...

Bari, le radici spaccano la pista ciclabile: pericolo su due ruote in viale della Repubblica – FOTO

Gradini improvvisi alti anche quattro centimetri. Difficili da vedere per chi non conosce bene la zona, e il pericolo caduta è dietro l’angolo. La pista ciclabile di viale della Repubblica, a Bari, necessita di interventi di manutenzione. Al netto delle erbacce che avvolgono gli alberi e che rischiano di sbattere sui ciclisti (dato che arrivano a quasi due metri d’altezza), il vero problema è dato dall’aumento di volume delle radici degli arbusti. Con il passare del tempo, infatti, gli alberi crescono, e quei pochi interventi manutentivi fatti per ridurre i dislivelli hanno retto solo per qualche anno. Le radici stanno lentamente spaccando la superficie della pista ciclabile che, di conseguenza, è diventata quasi un percorso a ostacoli.

Informato del problema, l’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari, Giuseppe Galasso, fa sapere che “l’accordo quadro manutenzioni strade e marciapiedi sta per andare in gara. Si tratta di 10 milioni di euro, suddivisi in altrettanti appalti da un milione ciascuno che interesseranno tutti i Municipi. Quindi, ci saranno 2 milioni di euro per ogni Municipio”. Il bando dovrebbe essere ‘lanciato’ per metà ottobre, mentre l’aggiudicazione dovrebbe avvenire per fine anno, in maniera tale da poter cominciare i lavori straordinari entro il mese di febbraio. Interventi che interesseranno tutta la città.

“Fermo restando l’accordo quadro – continua Galasso – informerò gli uffici competenti affinché, nel frattempo, possano essere effettuati dei lavori in urgenza. Si tratta di rimettere a posto solo delle zone localizzate sulla pista ciclabile. In corrispondenza di quegli alberi, che nessuno si sogna di rimuovere, periodicamente va effettuato un intervento di rimozione della pavimentazione in cemento e dello strato sottostante, in modo tale da ripristinarla a livello. Le radici non si possono tagliare completamente ma un intervento periodico, fatto con una cadenza di 5/6 anni, permetterà di mantenere in vita la pista ciclabile”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo