Scuola Del Prete a Bari, il coordinamento contro la chiusura: “Mettetela a disposizione per evitare il sovraffollamento” – VIDEO

“Torniamo a chiedere che si blocchi il progetto di trasferimento degli uffici del II Municipio e che si salvaguardi la scuola Del Prete, allocandovi tutte le classi trasferite altrove e mettendola a disposizione delle scuole che soffrono il sovraffollamento, per consentire la ripresa delle lezioni in presenza e in sicurezza.” A lanciare l’appello è ancora una volta il Coordinamento Salviamo la Carlo Del Prete, il gruppo spontaneo di cittadini nato per scongiurare la trasformazione dello storico edificio di Corso Benedetto Croce in una sede per uffici. Tonia Guerra, insegnante che ha passato molti anni dietro le cattedre di questo istituto ha chiesto chiarimenti dopo le promesse fatte negli scorsi mesi.

Della questione, ha spiegato Tonia Guerra, sarà investito anche l’Ufficio scolastico Regionale, soprattutto per capire come la Del prete, che oggi ospita una scuola per l’infanzia e un’elementare, sia arrivata quasi sul punto di dover chiudere. Nel frattempo, è giunta anche la replica dell’amministrazione comunale, da parte dell’Assessore alle Politiche Educative Paola Romano che ha chiarito: “Non intendiamo chiudere la scuola. E’ possibile che solo un piano dell’edificio sia destinato a ospitare i servizi sociali del II Municipio, evitando comunque la promiscuità tra i due servizi attraverso accessi diversi” ha fatto sapere. Quanto alla decisione di prendere in fitto strutture temporanee per evitare il sovraffollamento in ottica Covid, l’assessore ha spiegato che si tratta di 4 scuole allocate in altri quartieri. La più vicina, a 2 km di distanza, ha fatto richiesta solo di uno spazio per un laboratorio. Ad ogni modo, perché si faccia definitivamente chiarezza, si attendono le prossime settimane. Del resto, la voce del Coordinamento è stata chiara, con la promessa di adire tutte le vie consentite per tutelare l’interesse di bambini e studenti, laddove a settembre si presenti una realtà diversa da quella prospettata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui