Home Politica Federalberghi Puglia, Francesco Caizzi riconfermato presidente: “Rafforziamo lotta all’abusivismo”

Federalberghi Puglia, Francesco Caizzi riconfermato presidente: “Rafforziamo lotta all’abusivismo”

Francesco Caizzi è stato riconfermato all’unanimità presidente regionale della Federalberghi, la maggiore associazione pugliese degli albergatori aderente a Confcommercio. L’imprenditore barese, presidente della Federalberghi Bari-Bat, presiederà per il prossimo quadriennio 2018/2022 il Consiglio Direttivo regionale della Federalberghi Puglia, composto dal vice Pierangelo Argentieri (Presidente Brindisi) e dai consiglieri Raffaele De Santis (presidente Lecce), Angelo Basile (Presidente Taranto) e Gino Notarangelo (Presidente Foggia).

 

«La conferma unanime del direttivo regionale mi riempie di orgoglio – ha affermato Francesco Caizzi al suo reinsediamento – Continuerò a lavorare con il rigore e la fermezza del passato, con l’obiettivo di far crescere ulteriormente l’influenza e la reputazione della nostra associazione e registrare risultati concreti per il nostro turismo.»

 

Il Consiglio ha condiviso all’unanimità il programma del presidente Caizzi, in continuità con il lavoro svolto negli ultimi anni. Tra i punti qualificanti, viene riconfermata e rafforzata la battaglia contro la piaga dell’abusivismo nel settore ricettivo, che ha continuato a dilagare anche nell’estate 2018, con l’obiettivo di regolamentare la giungla delle locazioni turistiche e rafforzare l’azione repressiva contro i furbetti dell’appartamentino, all’insegna del principio “stesso mercato, stesse regole”. Nel programma trovano spazio importante anche l’opposizione all’imposizione della tassa di soggiorno, definita “balzello iniquo che danneggia il turismo”, e un forte impegno per una programmazione pubblica in collaborazione con i privati per fare del turismo un segmento maturo ed essenziale dell’economia regionale pugliese.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo