Home Politica In treno da Bari a Roma senza fermate, De Leonardis (Area Popolare):...

In treno da Bari a Roma senza fermate, De Leonardis (Area Popolare): “Proposta di Decaro inaccettabile”

Il presidente del gruppo consiliare Area Popolare, Giannicola De Leonardis ha diffuso la seguente dichiarazione: “Credevo fosse una semplice boutade, quella del sindaco di Bari Antonio Decaro, quando ho letto della sua proposta di un collegamento diretto ad alta velocità Bari-Roma senza alcuna fermata intermedia, lanciata ai vertici nazionali di Ferrovie dello Stato Italiane.

 

Siccome invece il presidente nazionale dell’Anci (che rappresenta quindi tutti i Comuni italiani, non solo quello di Bari) – carica per la quale dovrebbe mostrare una sensibilità e un’attenzione ben diverse – non scherzava affatto, mi permetto allora di ricordargli che nelle ultime ore non è intervenuta alcuna riforma che ha abolito le Regioni, intese come territori ed enti, e che la Puglia non è solo la sua amata Bari. Ancora, che la sua città usufruisce già di un’infrastrutturazione di eccellenza (stazione ferroviaria, porto, aeroporto) adeguatamente sostenuta negli ultimi decenni anche e soprattutto a scapito di altre realtà ritenute minori, nonostante l’orografia e la lunghezza particolare della regione; e che verrà ulteriormente potenziata nei prossimi anni, con una pioggia di risorse e investimenti che hanno assorbito gran parte delle progettualità inserite nella programmazione derivante da risorse nazionali e comunitarie. Ma tutto questo evidentemente all’ambizioso Decaro non basta.

 

Non basta aver fatto sparire l’aeroporto Gino Lisa di Foggia da ogni radar, e così i turisti che intendono andare sul Gargano (che può contare il 70 per cento delle strutture ricettive pugliesi e su 4 milioni di presenze l’anno, anche più del Salento) atterrando a Bari debbano sobbarcarsi almeno altre tre ore di viaggio per raggiungere Peschici o Vieste. Non basta il progetto dell’Alta capacità e velocità che bypassa la stazione ferroviaria di Foggia, al centro della città, e costringerà il dirottamento nello scalo tra Incoronata e Borgo Cervaro degli utenti della provincia di Foggia e di quelle limitrofe (Molise, Campania, Basilicata). Non bastano orari dei treni verso la capitale e verso il nord perfettamente funzionali e strategici per chi parte da Bari e vi rientra in giornata. Non basta il non aver articolato e supportato la sua idea magari con una analoga, come per esempio un treno diretto da Foggia a Roma, seguendo la sua stessa – poco comprensibile, in questo caso – logica. Pochi minuti di sosta a Foggia, a Benevento, a Caserta, sono per lui un tempo insopportabile e ingiustificabile, che fa perdere di competitività la sua città. Il grande Totò risponderebbe ‘Ma mi faccia il piacere’: noi, più modestamente, chiediamo l’intervento delle altre autorità, istituzionali e non, che il sindaco di Bari intende bypassare a livello regionale e nazionale con la sua inaccettabile proposta, per richiamarlo al dovuto rispetto per città, persone e comunità”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo