Home Politica Roma, deputati PD pugliesi aggrediti dai no-vax. Losacco: “Episodi figli del clima...

Roma, deputati PD pugliesi aggrediti dai no-vax. Losacco: “Episodi figli del clima creato attorno a provvedimento”

“Esprimo la mia solidarietà ai tre parlamentari del PD aggrediti dai no-vax. Certi episodi di violenza sono inqualificabili e sono figli del clima che scientemente è stato costruito attorno a un provvedimento di assoluto buon senso e di responsabilità per la salute pubblica”. Così il deputato barese del Partito Democratico, Alberto Losacco, commenta l’increscioso episodio accaduto questa mattina a Montecitorio dove Elisa Mariano (San Pietro Vernotico), Ludovico Vico (Taranto) e Salvatore Capone (Lecce), sono stati aggrediti e insultati da alcuni manifestanti contrari ai vaccini e salvati soltanto grazie all’intervento di agenti in borghese della Digos.

 

“Per questo – continua Losacco -, anche in vista della prossima campagna elettorale, chi ha ruoli di responsabilità pubblica deve abbassare i toni e riportare il dibattito lungo i binari della civiltà e della normale dialettica democratica, pur nella diversità, anche radicale, delle posizioni”.

 

Sulla questione sono intervenuti anche il segretario regionale Marco Lacarra, il presidente Assuntela Messina e il vice segretario Sandra Antonica, che a nome dell’intero Partito Democratico della Puglia invitano le forze dell’ordine a fare immediatamente chiarezza sull’accaduto e ad individuare i responsabili dell’aggressione.

 

“Non è pensabile in un Paese che si definisce civile – scrivono in una nota -, tollerare episodi di violenza gratuita, che nascono da posizioni e idee differenti rispetto a quelle che un’Assemblea democratica ha regolarmente votato. Ci stringiamo intorno ai colleghi di partito e li esortiamo ad andare avanti con coraggio, così come hanno sempre svolto il loro lavoro, con l’auspicio che questi episodi non si ripetano mai più in futuro”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo