‘Giornata dello schiaffo’ a Emiliano, scatta l’interrogazione parlamentare. Fitto: “Chi si indigna, ieri partecipava alle mie aggressioni”

‘Giornata dello schiaffo’ a Emiliano, scatta l’interrogazione parlamentare. Fitto: “Chi si indigna, ieri partecipava alle mie aggressioni”

“Quelli che oggi si indignano ieri partecipavano alle mie aggressioni”. Così il presidente nazionale di Direzione Italia, Raffaele Fitto, ha commentato l’interrogazione parlamentare dei deputati del Partito Democratico relativa alla locandina confezionata per “la giornata dello schiaffo”, organizzata da DI venerdì 10 novembre per discutere dei temi della sanità, che ritrae, in una vignetta, il volto di Michele Emiliano preso a schiaffi dalla mano di un medico.

 

La locandina, infatti, non è piaciuta ai parlamentari del PD che quindi hanno deciso di interrogare il ministro dell’Interno, Marco Minniti, per “capire” se il messaggio possa essere in qualche maniera riconducibile ad una istigazione alla violenza.

 

“Il confronto politico non deve mai, in qualunque caso e in qualunque forma, istigare alla violenza fisica o verbale – hanno scritto in una nota congiunta i consiglieri de ‘La Puglia con Emiliano’ Paolo Pellegrino, Alfonso Pisicchio e Giuseppe Turco -. Dispiace per la scelta poco felice dei colleghi consiglieri di Direzione Italia, dai quali ci saremmo aspettati altre forme, più istituzionali e meno rissose, per mettere in risalto un tema così delicato come la sanità”.

 

“Leggo le dichiarazioni indignate di esponenti nazionali e pugliesi del Partito Democratico sulla Giornata dello Schiaffo indetta dal gruppo regionale del mio partito in Puglia e chissà perché in mente mi risuonano le note di una canzone: ‘si sa che la gente dà buoni consigli se non può più dare il cattivo esempio’. Proprio così. Perché alcuni di quei parlamentari che oggi hanno sottoscritto addirittura un’interrogazione al ministro Minniti su un manifesto di chiara natura ironica, in tutti e cinque gli anni della mia presidenza alla Regione Puglia non si sono limitati a stampare manifesti, hanno guidato e incitato i facinorosi contro di me”.

 

“Suggerisco ai vertici del PD nazionale e regionale di pensare alle questioni serie e vere – conclude Fitto -, come la sanità allo sbando, che il nostro gruppo regionale pone all’attenzione dell’opinione pubblica”.

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Questo sito utilizza cookies di Google Analytics e dei principali social network. Se sei d'accordo continua la navigazione o accetta. Altrimenti abbandona il sito web!