Home Politica Una strada per Bettino Craxi, proposta del PSI in caso di vittoria...

Una strada per Bettino Craxi, proposta del PSI in caso di vittoria alle Amministrative: “Per lui Bari era la città più socialista”

“Se dovessimo vincere le prossime Amministrative di Bari, come Partito Socialista Italiano, gli dedicheremo una via”. A lanciare la proposta, tramite un post sulla sua pagina Facebook, è Claudio Altini, coordinatore dell’Area metropolitana di Bari. “La nostra città è quella che lui stesso chiamò la più socialista italiana”.

 

Sono passati 18 anni dalla morte di Bettino Craxi, leader del Partito Socialista Italiano e “uno dei più grandi statisti dal dopoguerra ad oggi. Con lui al Governo – prosegue Altini – l’Italia diventò la quinta potenza mondiale economica (prima non atomica) e la seconda per indice di sviluppo. L’inflazione scese dal 16% al 4%, la disoccupazione era ai minimi storici. Quella era l’Italia della ‘Milano da bere’, l’Italia che credeva che un futuro migliore non fosse solo un’utopia ma qualcosa di realmente concretizzabile”.

 

Tra i commenti sotto al post di Claudio Altini, anche quello della Figlia di Bettino Craxi, Stefania, che risponde a quanti disapprovano l’eventuale futura scelta del PSI di Bari spiegando il perché della “fuga in Tunisia”. Ecco la risposta della figlia: “Giusto per la precisione e la correttezza della storia. Craxi va a casa sua in Tunisia utilizzando il suo passaporto quando non era iniziato nessun processo. L’Italia è stata condannate per tutte le sentenze che riguardano craxi dalla corte Europea dei diritti dell’uomo. Se poi fosse interessata a conoscere meglio la storia forse le sentenze di Craxi potrebbe leggerle. Nessuno dichiara di aver corrotto craxi ne di essere stato corrotto da lui semplicemente perché non sarebbe stato vero. È stato condannato perché non poteva non sapere ovvero sulla base di quello che disse nell’aula della Camera e di fronte al Paese“.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo