Home Politica PD, Bellanova attacca Emiliano: “Dispensa consigli ma in Puglia che fa? Dia...

PD, Bellanova attacca Emiliano: “Dispensa consigli ma in Puglia che fa? Dia risposte a problemi della regione”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

“Continuo a ricevere numerosissime sollecitazioni da parte di iscritti e militanti del Pd e del centro-sinistra allibiti e disorientati rispetto alle dichiarazioni del presidente Emiliano per una ipotetica riorganizzazione della giunta regionale pugliese che si annuncia di ora in ora più come un confuso, disperato e patetico tentativo di raggranellare purché sia una maggioranza funzionale a garantire rendite di posizione e postazioni di potere piuttosto che una lucida ricomposizione legata ad una strategia di governo chiara e riconoscibile”. Lo afferma in una nota il viceministro e componente della segreteria nazionale del Partito Democratico, Teresa Bellanova che, riferendosi a recenti nomine fatte dal governatore pugliese e alle sue dichiarazioni sull’allargamento della maggioranza alla Regione, parla di “scempio della politica” e auspica che i consiglieri regionali di maggioranza “diano un segnale chiaro, e che altrettanto facciano gli organi apicali del Partito regionale e il Sindaco della Città Metropolitana”.

“Sanità, rifiuti, Patto per la Puglia, trasporti, futuro dell’Acquedotto pugliese: sono questi alcuni dei temi, i più rilevanti ma non gli unici, su cui i cittadini, le imprese, l’opinione pubblica attendono ormai da tempo risposte che stentano ad arrivare – afferma Bellanova -. Nel frattempo giungono invece dichiarazioni che dispensano consigli a mani larghe su cosa il Pd dovrebbe fare o non fare a livello nazionale, tranquillamente dimentichi che proprio in Puglia il Pd ha registrato, con uno striminzito 14.5 per cento, uno dei risultati peggiori registrati il 4 marzo”.

“Così come abbiamo già ricordato al Presidente Emiliano che il Pd ha assunto a livello nazionale una posizione molto chiara negli organismi deputati e che in Parlamento la nostra sarà una opposizione responsabile e senza ammiccamenti borderline di nessuna natura – aggiunge Bellanova – oggi riteniamo che il dovere di chi governa una Regione importante e strategica come la Puglia sia quello di una qualità ineccepibile e indiscutibile dell’azione di governo, lo stesso per cui gli elettori hanno dato fiducia e mandato, capace di affrontare e risolvere le questioni più delicate e non di siglare patti di qualsiasi natura con chiunque pur di mantenere saldamente le redini del potere”.

“Il rigore imporrebbe a questo punto – prosegue – non un mercato del consenso ma una discussione pubblica e una verifica dei numeri sul programma di governo del Presidente, così come sulle scelte che stanno caratterizzando la vita e il futuro della Regione, ad iniziare da Aqp e dalla qualità della spesa dei fondi strutturali”.

“È singolare che – conclude – chi almeno tre volte al giorno richiama alla necessità del confronto democratico e del consenso, pretenda poi di decidere da solo e di imporre a una intera comunità politica e sociale visioni e scelte ancor prima che sbagliate del tutto autoreferenziali”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui