17 C
Comune di Bari
mercoledì 20 Ottobre 2021
Home Lecce Covid in Puglia, muore carabiniere ‘no vax’ di 52 anni. Appello di...

Covid in Puglia, muore carabiniere ‘no vax’ di 52 anni. Appello di Unarma: “Vaccinatevi”

Notizie da leggere

Un carabiniere di Collepasso di 52 anni in servizio nella compagnia di Gallipoli, che aveva rifiutato di farsi vaccinare, è morto nel Dea di Lecce dov’era ricoverato da due settimane. Gravi sono le condizioni del compagno di pattuglia, un militare originario di Matino, anche lui non vaccinatosi per scelta e ricoverato presso il nosocomio salentino. Il contagio sarebbe avvenuto durante il servizio e avrebbe coinvolto anche un terzo carabiniere, quest’ultimo asintomatico, che è in isolamento nella sua abitazione di Casarano.

“L’episodio è e resta triste e amaro – si legge in una nota della sezione pugliese di Unarma, l’associazione sindacale carabinieri – ci lascia attoniti e addolorati nella constatazione che un collega non c’è più ed altri ancora lottano per guarire, ma al contempo deve esserci da chiaro monito e farci riflettere: il virus c’è ancora e miete silenziosamente vittime e le miete servendosi proprio di noi”.

“Per questo motivo – prosegue la nota -, questa associazione sindacale pugliese invita ogni carabiniere alla responsabilità delle proprie scelte e delle proprie azioni, ponendo al centro della disputa sempre la sicurezza, propria e degli altri – ivi compresi i nostri familiari – dentro e fuori dal servizio, quale ineludibile cardine per la lotta al virus e il corretto e sicuro espletamento dei delicati compiti cui siamo chiamati ad assolvere”.

“Il Covid è un nemico. Un nemico invisibile, subdolo e mortale che – conclude la nota – non si può pensare di combattere a mani nude e senza armi e protezioni, soprattutto da chi è chiamato, ogni giorno, in prima persona, sui campi di battaglia”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

1 commento

  1. Terrorismo psicologico
    Una forma di terrorismo da non sottovalutare, quella che mira ad incutere timore obbligando le persone a cambiare le loro abitudini di vita. Ricordatevi che quando un paese è attaccato da una pandemia grave non esistono ne democrazie ne dittature, ma solo decisioni forti e intelligenti, non attori che hanno momenti di gloria sulle spalle dei contagiati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche