Home Salute Bari, la pediatria incontra le famiglie

Bari, la pediatria incontra le famiglie

Dal 2 al 4 dicembre Bari ospiterà ‘Nativity’, un evento medico-sociale rivolto ai ceti meno abbienti. Consulti pediatrici gratuiti 

{loadposition debug}

 Sarà Bari ad ospitare uno dei più importanti eventi della pediatria italiana da venerdì 2 a domenica 4 dicembre prossimi. ‘Nativity, la pediatria incontra la famiglia’ è un evento medico-sociale rivolto alle famiglie, in particolare a quelle meno abbienti, e ai loro bambini, il cui principale scopo è quello di offrire loro, in un periodo di profonda crisi economica, la possibilità di usufruire di consulti pediatrici di alto profilo senza alcun costo. Nativity è nata in collaborazione con la Fondazione Pediatria e Famiglia in rappresentanza della comunità pediatrica italiana, con il sostegno di Fondazione Generali e con i patrocini del ministero della Salute e del Pontificio Consiglio per la Famiglia. In occasione della prima edizione, svoltasi a Roma nel 2013, il Santo Padre Papa Francesco espresse “vivo apprezzamento per l’iniziativa che si propone come momento di dialogo diretto tra le famiglie e gli operatori della medicina infantile”. A coordinare l’attività medico scientifica prevista nei tre giorni nel capoluogo pugliese sarà il prof. Vito Leonardo Miniello, coadiuvato dai migliori specialisti pediatri della regione. La manifestazione si terrà a Villa Romanazzi Carducci. Per usufruire di un consulto gratuito basterà collegarsi al sito www.nativitypediatria.eu, cliccare su ‘Prenota il tuo consulto pediatrico’ e seguire le semplici indicazioni; effettuata la prenotazione si riceverà una email di conferma a cui seguirà un’ulteriore comunicazione qualche giorno prima dell’evento. Nell’eventualità che, non ci fosse più la possibilità di prenotare, si potrà inviare una email a segreteria@nativitypediatria.eu, indicando i propri contatti. Il nominativo sarà inserito in una lista di attesa.

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo