/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

"L'icona russa: preghiera e misericordia", dal 1° maggio la mostra al Castello Svevo

"L'icona russa: preghiera e misericordia", dal 1° maggio la mostra al Castello Svevo

Testimonianze del rapporto tra il popolo russo e Dio, ma anche esempi di modelli da seguire nel vivere quotidiano, 37 icone del 17esimo e 18esimo secolo, provenienti da musei moscoviti, saranno ospitate nel Castello Svevo di Bari dall'1 maggio al 30 giugno grazie alla mostra 'L'icona russa: Preghiera e Misericordia'. L'esposizione è stata presentata oggi a Bari, la città che custodisce le sacre reliquie di San Nicola che ne è anche il Santo Patrono.

 

Motivo per cui, è stato sottolineato, Bari è l'unica città in cui la mostra, che è stata prima a Roma e Palmanova (Udine), è arricchita con una preziosa icona raffigurante 'San Nicola di Myra', risalente al 14/mo secolo. La curatrice dell'esposizione, Liliya Esveeva, ha sottolineato che nella spiritualità dei russi "a volte la venerazione di San Nicola sostituiva Gesù, ed era quindi prediletta dagli iconografi: la figura di San Nicola - ha aggiunto - era molto vicina al popolo, fungendo anche da modello".

 

Le 37 icone provengono da collezioni di due musei, quello Centrale di cultura e arte russa antica Andrej Rublev, e il musei provato dell'Icona russa. In mostra ci sono anche un'opera di Vladimir Tatlin, 'Composizione con superirci trasparenti' (1916), e una scultura contemporanea, 'Madre di Dio Grande Panagia' di Dmitrij Gutov (2012): entrambe appartengono a collezioni private. Il tema della preghiera e della misericordia, dunque, non resta confinato all'ambito delle opere d'arte medioevali ma trova prosecuzione nell'epoca dell'avanguardia russa e nell'arte russa contemporanea. "E' grande - ha detto il mecenate e fondatore del museo dell'Icona russa, Michail Abramov - l'interesse dell'Italia per l'iconografia russa, e l'accoglienza è sempre calorosissima".

 

Ai visitatori saranno presentate icone mariane (la Madre di Dio Odigitria di Suja, la Madre di Dio Odigitria di Tichvin, e la Madre di Dio della Passione'); un ciclo cristologico (la Trasfigurazione, l'Entrata del Signore a Gerusalemme, la Resurrezione di Cristo); e anche l'Arcangelo Michele, San Nicola Taumaturgo (di Zarajsk), Il Miracolo di san Giorgio e il drago, i Martiri Quirico e Giulitta, la Grande Martire Parasceve. E infine raffigurazioni di santi monaci russi. Il periodo storico scelto, è stato sottolineato, è quello in cui Russia ed Europa vissero un intenso avvicinamento culturale.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.