Home Spettacoli Bari, al Petruzzelli la Traviata dal 19 al 30 dicembre: ispirata alle...

Bari, al Petruzzelli la Traviata dal 19 al 30 dicembre: ispirata alle tele di De Nittis

Sono ispirati alla tele di Giuseppe De Nittis (Barletta, 25 febbraio 1846 – Saint-Germain-en-Laye, 21 agosto 1884) la regia e i costumi della nuova produzione della Fondazione lirica Petruzzelli ‘Traviata’ di Verdi che andrà in scena dal 19 al 30 dicembre con una recita speciale il 25, con la direzione orchestrale di Carlo Goldstein e la regia di Hugo de Ana. I dettagli del progetto ed il “ponte ideale che unirà le città di Bari e Barletta” sono stati presentati nel foyer del Petruzzelli dal sindaco di Bari e presidente della Fondazione Teatro Petruzzelli Antonio Decaro, dal sindaco di Barletta Cosimo Cannito, dal regista de Ana e dal sovrintendente della Fondazione Teatro Petruzzelli, Massimo Biscardi. In occasione delle rappresentazioni, nel foyer, per concessione del Museo De Nittis di Barletta (Palazzo della Narra), saranno in mostra tre quadri di De Nittis: ‘Figura di donna’, ‘Il salotto della principessa Matilde’ e ‘Giornata d’inverno’.

“Con Traviata si è realizzato un circuito virtuoso tra enti diversi per valorizzare il nostro territorio – ha sottolineato il sindaco Decaro – grazie quindi al Petruzzelli e al Comune di Barletta. Con i quadri di De Nittis, sarà realizzata una ‘Traviata’ nuova ma rispettosa dell’opera”. “Avevamo detto che avranno aperto molti contenitori culturali della città – ha continuato – e ora anche il foyer si apre ai cittadini. Tra poco riapriremo il Margherita con una mostra su Van Gogh e, a fine anno, il Piccinni con altro genere di musica, più popolare”. “L’idea di questo progetto è nata, come succede molto spesso – ha detto Biscardi – per caso, durante una chiacchierata con de Ana. Voleva cercare qualcosa che valorizzasse la Puglia e ci siamo trovati sulla stessa lunghezza d’onda, perché De Ana è un grande conoscitore di De Nittis”.

L’allestimento colloca l’opera in un periodo attorno al 1870/80. “Questo periodo leggermente post datato rispetto alla prima rappresentazione dell’opera (1853) – ha detto il regista – è coerente con tutto il progetto che prende ampi spunti dalle tele di De Nittis”. Soddisfatto di questa collaborazione con Bari si è detto il sindaco di Barletta Cosimo Cannito che ha regalato al regista, a nome della città, una copia fotostatica della prima edizione della ‘Signora delle Camelie’ che era stata regalata a suo tempo da Dumas a De Nittis, e donata successivamente dalla vedova di De Nittis alla città di Barletta con i suoi quadri.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo