/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Auditorium Vallisa: in scena La Tempesta di William Shakespeare

Auditorium Vallisa: in scena La Tempesta di William Shakespeare

Sabato 5 novembre, ore 21 domenica 6 novembre, ore 20, lettura con Paolo Panaro e gli attori della compagnia Diaghilev


Rinascita morale e rigenerazione dell’anima. Sabato 5 (ore 21) e domenica 6 novembre (ore 20), Paolo Panaro porta sul palco dell’Auditorium Vallisa di Bari l’eterno dramma umano di peccato e redenzione, temi al centro della «Tempesta» di William Shakespeare, il grande drammaturgo inglese del quale viene celebrato il quarto centenario della scomparsa anche dalle «Direzioni del racconto», la rassegna di teatro di narrazione letteraria organizzata dalla Compagnia Diaghilev in collaborazione con l’Assessorato alle Culture del Comune di Bari e il sostegno della Regione Puglia (biglietti 10 euro, info e prenotazioni 3331260425). Nella lettura della «Tempesta» Panaro si alternerà con gli attori della Compagnia Diaghilev, Antonella Carone, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Vito Lopriore, Angelo Lorusso, Tony Marzolla, Giulia Sangiorgio e Giuseppe Scoditti. Da dodici anni, Prospero, mago e legittimo duca di Milano, è stato deposto dal fratello, il cinico Antonio, e costretto all’esilio su un’isola insieme alla figlia, Miranda. Appena gli si presenta l’occasione, Prospero organizza la sua vendetta: mentre la flotta del re di Napoli attraversa le acque dell’isola, grazie alle sue arti magiche, scatena la più terribile delle tempeste. Ad aiutarlo nell’impresa c’è Ariel, uno spiritello che il mago ha liberato dalla prigionia nella quale era stato rinchiuso per opera della perfida strega Sicofax. Quest’ultima, defunta da anni, è la madre dell’unico abitante dell’isola: il mostro Calibano. La tempesta orchestrata da Prospero, intanto, ha separato i naufraghi e ognuno pensa di essere il solo superstite della sciagura. Antonio e il fratello di Alonso, re di Napoli, cospirano per appropriarsi della corona napoletana; il re e il buon Gonzalo, suo consigliere, vanno alla ricerca del figlio del re, Ferdinando, che temono sia affogato fra le onde; il rozzo Calibano incappa in Stefano e Trinculo, due ubriaconi, con cui organizza una ribellione contro Prospero, che però fallisce miseramente, mentre fra Miranda e il principe Ferdinando nasce il più tenero degli amori. Prospero, mago e burattinaio degli altrui destini, in ultimo, rinuncerà alla magia, proprio come Shakespeare rinunciò, dopo aver scritto questo suo ultimo dramma, alla magia del teatro e a tutte le sue effimere illusioni.

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.