Home Spettacoli Bari, torna per la decima edizione la rassegna “Le direzioni del racconto”

Bari, torna per la decima edizione la rassegna “Le direzioni del racconto”

Dal 14 ottobre all’11 dicembre quarantaquattro appuntamenti con la partecipazione di artisti di caratura nazionale

{loadposition debug}

Sarà Lina Wertmuller, regista dei film cult «I Basilischi» e «Pasqualino settebellezze», ad aprire venerdì 14 ottobre, alle ore 21, «Le direzioni del racconto». La rassegna di teatro di narrazione letteraria, giunta alla decima edizione, è organizzata dalla Compagnia Diaghilev in collaborazione con l’Assessorato alle Culture del Comune di Bari e il sostegno della Regione Puglia. All’Auditorium Vallisa sino all’11 dicembre sono previsti ben quarantaquattro appuntamenti da camera, tra rappresentazioni, concerti letterari, reading e letture sceniche, con la partecipazione di attori e artisti di straordinaria importanza nella storia dello spettacolo italiano. 

Dopo Lina Wertmuller, che con Nicoletta Della Corte (cantante) e Andrea Bianchi (pianoforte) sarà protagonista del recital «Un’allegra fin de siècle» da lei scritto con le musiche di Italo “Lilli” Greco e Lucio Gregoretti, in Vallisa andranno in scena I Virtuosi di San Martino con due spettacoli che raccontano in modo surreale e ironico il mondo dell’Avanspettacolo («Nel nome di Ciccio», 15 ottobre) e la musica degli anni Settanta («Rumors», 16 ottobre). Quindi, sarà la volta di Iaia Forte («L’isola di Arturo» di Elsa Morante, 29 ottobre), Isa Danieli («Eduardo e altri scrittori», 1 novembre), Roberto Herlitzka («Novelle» di Oscar Wilde, 4 novembre), Maria Paiato («Una e una notte» di Ennio Flaiano, 10 novembre), Massimo Verdastro («Eros e Priapo» di Gadda, 19 novembre, e «Poeta delle ceneri» di Pasolini, 20 novembre), Elisabetta Aloia («Si faceva chiamare Giovanni» di Giovanni Bianchi, 24 novembre), Enzo Moscato (con il suo «Compleanno», 25 novembre), Ruggero Cappuccio (autore de «L’arte italiana del furto», 1 dicembre), Paolo Triestino («Il paese dei ciechi» di Herbert George Wells, 2 dicembre), Virginio Gazzolo («De Vulgari Eloquentia» di Dante, 3 dicembre) e Paolo Bonacelli («Poesie» di Bertolt Brecht, 4 dicembre). In cartellone anche Nunzia Antonino («Lenòr» di Enza Piccolo e della stessa Antonino, dal 20 al 23 ottobre), Flavio Albanese («La leggenda del Grande Inquisitore» di Dostoevskij, 30 ottobre), Gianpiero Borgia («Sudorazioni» di Fabrizio Sinisi, 31 ottobre) e Carla Guido («Un bambino prodigio» di Irene Nemirovsky, 6 dicembre). 

Prevista, inoltre, la lettura de «La Tempesta» di Shakespeare (5 e 6 novembre) a cura della Compagnia Diaghilev, che ha come punto di riferimento lo specialista del teatro di narrazione Paolo Panaro, a sua volta impegnato, da solo o con musicisti e altri attori della stessa compagnia, in testi celebri di Omero («Il viaggio di Ulisse», 18 ottobre), Tomasi di Lampedusa («Lighea», 19 ottobre), Pirandello («Uno nessuno e centomila», dal 25 al 28 ottobre), Mann («Morte a Venezia», 2 e 3 novembre), Tolstoj («Anna Karenina», dal 14 al 17 novembre, e «La morte di Ivan Il’ic», dall’8 all’11 dicembre) e Kafka («Il processo», 26 e 27 novembre), mentre con Vito Lopriore presenterà due serie di «Dialoghi», la prima dedicata a Italo Calvino, con Rosario De Gaetano al pianoforte (8 novembre), la seconda riservata a Jorge Luis Borges, con il producer Pit Campanella (9 novembre), appuntamenti che segnano entrambi la rinnovata collaborazione della rassegna con il Festival Time Zones. Panaro terrà anche dei matinée per gli studenti attingendo agli autori dei grandi classici, da Tasso a Manzoni. 

Prezzo del biglietto, 10 euro. Per informazioni e prenotazioni è disponibile il numero telefonico 333 1260425.

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo