Home Sport Fc Bari, le verità di Giancaspro: “Noi danneggiati ma ne usciremo a...

Fc Bari, le verità di Giancaspro: “Noi danneggiati ma ne usciremo a testa alta. Avanti con Sogliano e Grosso”

Le verità di Cosmo Giancaspro. Il presidente del Bari rompe il silenzio, rassicura i tifosi sul futuro del club e affronta a petto in fuori la questione riguardante i due punti di penalizzazione.

“Su questa società si è abbattuta la tempesta perfetta – le parole di Giancaspro – assurdo quanto stia accadendo. Una forzatura mai vista ha portato a uno slittamento dei playoff, non tenendo conto di numerosi aspetti. Folle che i tre gradi di giudizio previsti in sede di processo siano esauriti in una settimana. Non è ammissibile aspettare il primo giugno per sapere se si giocherà a Bari o a Cittadella. Un provvedimento che ha sicuramente danneggiato il Bari. Organizzare riunioni di consiglio dove si parla del Bari e non invitare il presidente del Bari ma solo quello del Cittadella è vergognoso. Sono stati calpestati i nostri diritti. Sto pensando di fare istanza con i miei legali se dovessimo giocare fuori casa. Se dovesse essere confermato che si giocherà a Cittadella, noi ci opporremo a questo. Padova e Vicenza sono stadi idonei. Sarebbe giusto per capienza, per rispetto dei tifosi e anche perché l’incasso spetta per il 30 per cento alla società ospitata. Vedo difficile organizzare una partita in 24 ore e da ieri stiamo lavorando sul ricorso. Questo non posso saperlo, siamo in una situazione assurda ma ogni ipotesi va tenuta in conto. Noi avevamo chiesto addirittura processo immediato il 15 maggio. Poi è accaduto di tutto. Questa società ha sempre pagato tasse, nessuno può scrivere il contrario. I conti sono chiari e sotto controllo. C’è stata qualche tensione finanziaria, perdite in tre anni di 2, 8 e 5 milioni, ripianate dal sottoscritto. In questa società han messo soldi solo il sottoscritto e la sua società Kreare Impresa.Il mio piano di risanamento continua. E io continuo, non posso fermarmi”.

“Il futuro del club? Sono convinto che usciremo tutti a testa alta da questa situazione. Una tensione finanziaria dipinta come fallimento non corrisponde alla realtà. Io ho già pianificato la sistemazione della posizione finanziaria, anche nel caso dovesse finire così la stagione. Noi andremo avanti comunque e con questa squadra. Il progetto sportivo non si ferma. Giancaspro, Sogliano e Grosso andranno avanti. Obiettivo raggiungere la massima serie dai tre ai cinque anni. Non ci sono cambi di programmi, anche l’operazione stadio va avanti. Sogliano e Grosso hanno un contratto, sono persone serie, se avessero ipotizzato un cambio mi avrebbero avvisato. Sono convinto che resteranno al loro posto. Bari deve sempre lottare per il vertice, non ci sono dubbi”.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo