/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Fc Bari, il 15 e 16 giugno l'assemblea che deciderà il destino del club. Biga: "Situazione complicata, la stessa di due anni fa" - VIDEO


Fc Bari, il 15 e 16 giugno l'assemblea che deciderà il destino del club. Biga: "Situazione complicata, la stessa di due anni fa" - VIDEO

Il futuro del Bari appeso a un filo. Entro una decina di giorni il presidente Giancaspro dovrà provvedere a coprire le perdite e ricostruire il capitale sociale, pena la messa in liquidazione della società. Sullo sfondo il socio di minoranza Gianluca Paparesta, pronto a tornare sul ponte di comando esattamente come fece due anni fa Giancaspro. Una situazione complicata e che tiene con il fiato sospeso una città intera. Ne abbiamo parlato questa mattina con Francesco Biga, legale della Fc Bari 1908, ospite del B&Gang su Telebari e Radiobari. Questi alcuni passaggi dell'intervista:

"Il presidente Giancaspro in due anni ha immesso nel club oltre 16 milioni di euro, non sta prendendo in giro nessuno. Certo la situazione è complicata, inutile nasconderlo. Sul legale rappresentante della società incombono tre inchieste che non possono non creare tensioni finanziarie. E' evidente come il Bari in questa situazione abbia avuto difficoltà con il sistema creditizio in generale. A questo bisogna aggiungere poi l'iniziativa da parte del socio di minoranza che ha chiesto al Tribunale Civile lo scioglimento della società causa il precipitare del capitale sociale al di sotto del minimo previsto dalla legge".

"L'assemblea è stata convocata per il 15 e 16 giugno. E la palla adesso passa ai soci. Tocca a loro mettere i soldi necessari per garantire l'iscrizione del Bari al prossimo campionato di B e i futuri pagamenti. Esattamente la stessa situazione vissuta due anni fa. Adesso vedremo davvero chi parla e chi fa i fatti, perché le perdite le potrà coprire il socio di maggioranza che ha una opzione per il 99,37% o il socio di minoranza che detiene lo 0,63%. Quest'ultimo teoricamente potrà versare l'eventuale quota non optata dal socio di maggioranza per il 100%. Giancaspro comunque ha già effettuato versamenti in conto futuro aumento di capitale, si tratta di completare il programma. Chiaro che se non si dovesse risolvere il problema sarebbe a rischio la stessa sopravvivenza del club. Una situazione complicata ma che il presidente farà di tutto per risolverla".

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.