Home Sport Andria Jazzit Festival, raccolta fondi per “Progetto Barnaba” : il 24 giugno...

Andria Jazzit Festival, raccolta fondi per “Progetto Barnaba” : il 24 giugno in campo la Nazionale Italiana Jazzisti e le vecchie glorie del calcio pugliese

In occasione del Jazzit Festival che si svolgerà ad Andria (Montegrosso) dal 22 al 24 giugno, la NIJ Onlus e il Jazzit Fest, con il patrocinio del Comune, organizzano una partita di calcio di beneficenza che si svolgerà presso lo stadio comunale il 24 giugno alle ore 11:30. Si affronteranno la Nazionale Italiana Jazzisti e la squadra “Puglia United All-Stars”, una formazione composta da ex calciatori e dirigenti di squadre professionistiche di serie A e B, personaggi del mondo dello spettacolo e alcuni rappresentanti dei genitori presenti nelle Associazioni coinvolte. Tutto il ricavato della vendita dei biglietti verrà devoluto al Progetto Barnaba (a cura della Caritas di Andria) alle Associazioni ‘Asfa Puglia’ e ‘Vinci con noi’ che operano in sinergia nel campo sociale con l’obiettivo principale di garantire pari opportunità ed inclusione sociale alle persone con diagnosi di Autismo.

L’autismo è un disturbo di tipo neurobiologico che colpisce 1 neonato su 64 e perdura per tutta la vita, deprivando la persona della possibilità di integrarsi pienamente nel contesto sociale e di acquisire benessere e valorizzazione. Insieme alla progettazione di percorsi sportivi per le persone con autismo e con disabilità intellettivo-relazionale nell’ambito del nuoto e del calcio, le associazioni sono attive nella organizzazione di eventi raccolta fondi per sostenere le attività sportive inclusive delle famiglie con autismo in condizione di disagio economico. Il costo delle terapie è infatti molto elevato e pochi riescono ad accedere a servizi riabilitativi di qualità, pertanto investire ulteriori risorse economiche per percorsi sportivi finalizzati diventa insostenibile. Telebari e Radiobari saranno media partner dell’evento.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo