/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Bari Calcio, Decaro al Della Vittoria: "Non mi farò prendere in giro". Sugli spalti la passione di 2mila tifosi

Bari Calcio, Decaro al Della Vittoria: "Non mi farò prendere in giro". Sugli spalti la passione di 2mila tifosi

La Bari sportiva, dopo la mancata iscrizione al campionato di serie B, è ripartita con una assemblea promossa dal sindaco Antonio Decaro nella curva nord dello stadio Della Vittoria, alla presenza di duemila tifosi. "Non mi farò prendere in giro - ha detto il sindaco in uno dei passaggi più significativi del pomeriggio biancorosso -. Dai tifosi mi è arrivato un messaggio chiaro: nessuno, nel nuovo Bari, vuole persone del vecchio CdA. Chi c'era, non ci dovrà essere più. Ma vi dico che dobbiamo stare attenti anche a tante altre persone che arrivano a bussare alla nostra porta. Bene, vi assicuro che non mi farò prendere per i fondelli da nessuno. Nella vita, per farsi conoscere e diventare qualcuno, devi lavorare: non illudere le persone dicendo 'mi compro il Bari'. Siccome c'è gente che ritorna ogni anno a dire che si vuol comprare il Bari e poi i soldi non li mette mai, io avviso tutti: farò un elenco di chi ci ha preso in giro, di tutte quelle persone che hanno detto di voler comprare il Bari ma non hanno presentato un solo documento utile a portare avanti l'operazione. Da oggi, metterò tutti in piazza".

Il primo cittadino nell'intervento introduttivo ha puntualizzato i tre pilastri del futuro calcistico "trasparenza, responsabilità e rispetto" e ha indicato il modello Parma per la risalita. Decaro ha spiegato che, nella fase di assegnazione del titolo sportivo della nuova società che potrebbe ricominciare dalla serie D (o in alternativa dalla Lega Pro), non vuole "scegliere da solo". Nell'incontro ci sono stati tanti interventi di tifosi e cori contro il presidente della mancata iscrizione Cosmo Giancaspro. Un supporter ha ottenuto un lungo applauso quando ha ricordato le parole di un presidente del Bari molto amato, il professor Angelo De Palo, che in punto di morte dedicò un pensiero al Galletto: "Mi raccomando alla Bari".

Intanto, dalla Covisoc, arriva la bocciatura ufficiale per l'Avellino, che non parteciperà al prossimo campionato di cadetteria, e per tre società di serie C: Reggiana, Andria e Mestre, che non hanno presentato ricorso e non parteciperanno al prossimo campionato. Sono state invece ammesse in serie C sei società il cui ricorso è stato accolto: Matera, Lucchese, Triestina, Pistoiese, Cuneo e Monza.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.