Home Sport Nuovi guai per Giancaspro: accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso

Nuovi guai per Giancaspro: accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso

Nuovi guai giudiziari per Cosmo Giancaspro: la Procura di Bari ha aperto un’inchiesta nei confronti dell’ex presidente del Bari calcio con l’ipotesi di reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

A darne notizia l’edizione odierna de La Gazzetta del Mezzogiorno.

Giancaspro avrebbe ‘affidato a una persona ritenuta vicina ai clan baresi il compito di indurre un creditore, la TDS Group, una cooperativa del capoluogo pugliese che si era occupata dei servizi di sicurezza, a rinunciare a due decreti ingiuntivi’. L’episodio è emerso dalle intercettazioni disposte nell’inchiesta che il 26 settembre scorso ha portato agli arresti domiciliari l’imprenditore molfettese per il fallimento di Finpower’.  L’accusa di estorsione aggravata riguarda anche Orlando Malanga, soggetto che avrebbe convinto un creditore a rinunciare ai due decreti ingiuntivi e ritenuto dai magistrati baresi elemento di raccordo tra Giancaspro e la tifoseria biancorossa.

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo