/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Fc Bari, Colantuono riparte dal Carpi: "Io sergente di latta. Severo ma non troppo"

Fc Bari, Colantuono riparte dal Carpi: "Io sergente di latta. Severo ma non troppo"

Le parole del mister in conferenza alla vigilia della gara casalinga contro il Carpi

"Ho parlato con la squadra: i ragazzi sono molto dispiaciuti perché volevano regalare i tre punti ai nostri tifosi. Ora però bisogna ripartire, trasformando la rabbia in energia da spendere sul terreno di gioco". La ricetta di mister Colantuono per curare il problemi del Bari è semplice: lavorare, lavorare, lavorare. "La piazza barese è molto esigente e le pressioni sono tante. Giocare qui è un motivo di vanto, ti fa crescere sia come calciatore che come allenatore. È normale che per i più giovani questa situazione psicologica possa essere difficile da gestire, e proprio per questo bisogna crescere anche mentalmente. La condizione fisica? Stiamo lavorando per aumentare gradualmente l'intensità dell'allenamento. Contro lo Spezia, dopo un buon primo tempo, abbiamo regalato la seconda frazione agli avversari e questo è inammissibile".

L'argomento della settimana resta però l'autogol di Matteo Fedele. Colantuono ha voluto chiudere la questione elogiando i supporters biancorossi, che hanno regalato una sciarpa al centrocampista svizzero. "È stato un bel gesto, Matteo ne aveva bisogno, l'ho visto un po' abbattuto dopo l'autogol. Sono infortuni che possono capitare, l'importante adesso è reagire in fretta". E su chi lo ritiene un sergente di ferro, l'allenatore romano scherza: "Casomai di latta. I miei ragazzi devono rispettare alcune semplici regole, c'è il tempo per lavorare sodo e quello per staccare la spina". 

Sabato al San Nicola arriva il Carpi: "Una partita ostica contro una squadra ben collaudata, dobbiamo stare attenti a non lasciar loro molto campo. Per quanto riguarda il modulo, per il momento continueremo con il 4-3-3, ma non escludo che possano essere proposti anche altri sistemi di gioco, come per esempio il 4-4-2 con cui la squadra ha giocato in questi mesi". Una battuta finale sull'undici titolare e sulle parole di De Luca in conferenza: "Qualcosa dovrà necessariamente cambiare, Di Cesare non ci sarà per un piccolo problema fisico e anche a centrocampo qualcuno potrebbe rifiatare. Conosco Beppe fin dai tempi di Bergamo, sono sicuro che l'entusiasmo gli tornerà presto. Abbiamo bisogno delle sue qualità". 

Probabile formazione (4-3-3): Micai; Sabelli, Tonucci, Moras, Cassani; Basha, Romizi, Valiani; Brienza, Maniero, De Luca. 

Seguici su Facebook!

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.