Home Sport Canottaggio, il barese Domenico Montrone sul podio alle Olimpiadi: bronzo nel “4...

Canottaggio, il barese Domenico Montrone sul podio alle Olimpiadi: bronzo nel “4 senza”

L’impresa a Rio e la soddisfazione del sindaco Antonio Decaro.

{loadposition debug}

Bronzo olimpico per l’Italia nel 4 senza di canottaggio. L’equipaggio azzurro composto da Matteo Castaldo, Matteo Lodo, Giuseppe Vicino e il barese Domenico Montrone ha chiuso la finale olimpica al terzo posto. Gli azzurri hanno concluso la prova in 6’03”85, superando il Sudafrica nella parte finale con una grande rimonta. L’oro è stato vinto dalla Gran Bretagna, l’argento dall’Australia.

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha voluto commentare personalmente l’impresa della squadra e quella del pugliese, scuola CUS Bari Domenico Montrone.

“È una gioia immensa pensare che un ragazzo del CUS Bari, abbia raggiunto questo risultato straordinario insieme agli altri atleti della squadra azzurra. Un traguardo che lo consegna alla storia dello sport mondiale e che ci rende tutti orgogliosi non solo del podio olimpico, ma anche della incredibile rimonta della quale gli azzurri sono stati protagonisti nella finale. Sono particolarmente contento anche perché Domenico Montrone è il simbolo di tutti i ragazzi che nella vita scelgono di inseguire i loro sogni e le loro passioni con determinazione e impegno, raggiungendo risultati straordinari come quello di oggi”.

“Domenico Montrone sarà l’esempio per tutti i giovanissimi baresi che si stanno avvicinando agli sport nautici grazie anche al progetto promosso dall’assessorato comunale allo sport in collaborazione con le federazioni e i circoli nautici cittadini, che quest’estate ha permesso a  700 ragazze e ragazzi di conoscere l’emozione degli sport acquatici da scivolamento. Un’esperienza positiva che riproporremo la prossima estate, magari ocn l’aiuto di un testimonial di eccezione come Domenico Montrone”.

 

{facebookpopup}

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo