Home Sport Finale Reggiana-Bari: si teme esodo tifosi biancorossi. Domani vertice in Prefettura

Finale Reggiana-Bari: si teme esodo tifosi biancorossi. Domani vertice in Prefettura

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Allerta massima per l’ordine pubblico in vista della finale playoff del campionato di calcio di Serie C in programma mercoledì sera alle 20.45 a Reggio Emilia. A giocarsi la gara ‘secca’ che vale la promozione in Serie B, la Reggiana (che gioca in casa in quanto ha ottenuto il miglior coefficiente in ‘regular season’) e il Bari.

Ai granata del patron Romano Amadei (proprietario dell’azienda Immergas) la serie cadetta manca da 21 anni, mentre ai pugliesi dal 2018 quando venne estromesso in seguito al fallimento della società, ora rilevata dalla famiglia del produttore cinematografico Aurelio De Laurentiis, nonché presidente del Napoli.

Nonostante però la partita al ‘Mapei Stadium’ sia prevista, come tutti gli eventi sportivi, a porte chiuse per le normative vigenti relative all’emergenza sanitaria Covid-19, la Questura di Reggio Emilia sta lavorando a stretto contatto coi colleghi di Bari per prevenire possibili tensioni. L’incontro è molto sentito e si teme, stando anche alle informazioni raccolte dalla polizia, che alcune centinaia di tifosi pugliesi potrebbero organizzarsi all’esodo in Emilia.

Inoltre non sono previsti maxi-schermi anche per limitare gli assembramenti, ma ai locali come bar e ristoranti sarà concesso mostrarla ai clienti purché siano rispettate le regole di distanziamento sociale sia all’interno sia all’esterno.

E qualora gli ultras del Bari dovessero arrivare a Reggio Emilia, la gestione potrebbe risultare problematica anche in ottica di un qualsiasi risultato finale per eventuali festeggiamenti. Per questo è previsto domani un vertice in Prefettura con il comitato dell’ordine pubblico e della sicurezza presieduto dal Prefetto Maria Forte e dal questore Giuseppe Ferrari per fronteggiare al meglio ogni circostanza. Al Ministero saranno comunque richiesti rinforzi per il servizio d’ordine.

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui