Home Sport Fc Bari, Colantuono stoppa le critiche sul mercato: “Rivoluzione? Non vogliamo lasciare...

Fc Bari, Colantuono stoppa le critiche sul mercato: “Rivoluzione? Non vogliamo lasciare nulla al caso. E ne arriveranno altri”

E’ uno Stefano Colantuono più carico del solito quello che si presenta in conferenza stampa alla vigilia della gara con il Perugia. Il tecnico biancorosso, pur sottolineando la negativa prestazione di Cittadella, non ha gradito le eccessive critiche sulla squadra e le valutazioni negative su un mercato di gennaio che starebbe rivoluzionando la rosa del Bari. “A Cittadella abbiamo sbagliato – chiarisce il mister – ma un conto è giudicare una singola prestazione, un conto è mettere in dubbio il lavoro svolto sotto la mia gestione. Servirebbe più equilibrio nelle analisi, non vorrei passasse un messaggio sbagliato”. Colantuono sposta poi il mirino sul mercato. “Ho letto di una rivoluzione con troppi rebus – prosegue – ma noi cerchiamo solo di migliore questo organico. Sappiamo che a gennaio svoltare non è facile, ma che campionato è essere ottavi a noni. Io posso solo ringraziare la società per gli sforzi che sta facendo. Sono arrivati giocatori forti e altri ancora ne arriveranno. Ma non stiamo facendo nessuna confusione, c’è chi entra e chi esce. Valiani aveva una importane offerta dal Livorno, a Scalera e Castrovilli non potevamo certo tarpare le ali. Adesso non avrebbero cambiato le nostre sorti, la Fiorentina era per loro un’occasione troppo importante. Ma guardate anche chi abbiamo acquistato, cosa dobbiamo fare di più? Stiamo cercando di non lasciare nulla al caso. Non so se poi raggiungermo l’obiettivo, ma anche se ci fosse un solo spiraglio ci vogliamo provare”. In chiusura un accenno anche alla sfida di domani al San Nicola con il Perugia. “Squadra dai valori importanti – conclude Colantuono – e con un Guberti in gran forma. Servirà una gara importante, guai a ripetere la prestazione di Cittadella”. 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo