Home Sport Fc Bari, Colantuono: “Alle volte troppo leziosi. Ad aprile il nostro futuro”

Fc Bari, Colantuono: “Alle volte troppo leziosi. Ad aprile il nostro futuro”

“Siamo stati più bravi all’inizio, in undici contro undici. Poi, forse a causa del vantaggio e della superiorità numerica, abbiamo un po’ perso la concentrazione, e questo è inaccettabile”. È l’analisi di Stefano Colantuono, che nonostante la vittoria per 3-1 ha qualcosa da rimproverare ai suoi ragazzi. “Il gol subìto è inaccettabile, se fosse successo al 90esimo avremmo buttato via due punti. Non bisogna abbassare la guardia neanche quando si hanno due gol di vantaggio”. 

 

Malgrado la disattenzione nel finale di primo tempo, la reazione dopo il pareggio della Ternana è stata subito arrembante: “Abbiamo approcciato il secondo tempo nella maniera giusta. Bisogna ripartire da questo”. Un successo che passa dalla prestazione dei tre tenori d’attacco: “Brienza, Galano e Floro Flores possono garantire giocate di qualità in ogni momento. Sono i calciatori di questo tipo che ti permettono di vincere le partite. Sono contento anche per Maniero, che è potuto tornare a giocare qualche minuto”. 

 

Ma tra i biancorossi ci sono anche dei leader silenziosi, che il tecnico romano non dimentica di ringraziare: “Anche chi non scende in campo e va in tribuna, per via delle panchine troppo corte, è sempre vicino alla squadra. L’intero collettivo ci tiene a far bene. È questo il segreto, per raggiungere i risultati la coesione del gruppo è fondamentale”. Adesso l’impegno ad alta quota di Benevento, per sfatare il tabù trasferta e non sperperare il bottino casalingo della gestione Colantuono: “Si tratta di un bel test, ma non decisivo. È ancora presto per fare bilanci, ad aprile il campionato parlerà più chiaro. Ci mancano un paio di punti, che avremmo meritato, e siamo un po’ in ritardo, ma abbiamo ancora tempo per recuperare. D’altronde la classifica è ancora corta e può accadere di tutto”. 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo