/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Pallavolo, al PalaPoli sorride l’Exprivia: Monza dominato e battuto 3-1

Pallavolo, al PalaPoli sorride l’Exprivia: Monza dominato e battuto 3-1

Una squadra a tratti perfetta, dominatrice nei primi due set e capace pure di tornare a giocare ad altissimi livelli dopo la sconfitta nel terzo parziale. L’Exprivia Molfetta si impone 3-1 contro il Gi Group Monza e inizia come meglio non potrebbe il rush finale della regular season della Superlega maschile.

La differenza la fa il servizio, fondamentale in cui i molfettesi eccellono sin dall’inizio. Da lì derivano da un lato i problemi della ricezione monzese, dall’altro la bravura dei biancorossi a muro e in contrattacco. Da sottolineare i 5 muri e 4 ace di Sabbi, il 65% in attacco di Joao Rafael (Mvp con 18 punti) e l’ottima performance di Vitelli (2 ace, 2 muri e 80% in attacco).

L’Exprivia scende in campo con Thiaguinho palleggiatore, Sabbi opposto, di banda Joao Rafael e Olteanu, centrali Polo e Vitelli, libero De Pandis. Monza invece inizia con la diagonale Jovovic-Vissotto, schiacciatori Botto e Fromm, al centro Beretta e Verhees, libero l’ex Rizzo.

Avvio veemente dell’Exprivia, che con Sabbi e Olteanu, più i muri di Vitelli e Thiaguinho, va avanti 8-4. I molfettesi sono letteralmente tarantolati, volano 12-6 ancora con il martello romeno. Falasca chiama il timeout e i monzesi al rientro paiono rigenerati, spinti da un Vissotto su di giri. Ma la squadra di casa è in serata e lo dimostra il successivo break di 6-0: due muri di Sabbi su Botto, l’ace di Polo e i contrattacchi di Vitelli e Joao Rafael consentono infatti all’Exprivia di guadagnare un primo set point (24-17). Quello giusto è il secondo, ancora targato Sabbi (25-18).

Grande inizio dell’Exprivia anche nel secondo set, con i molfettesi avanti 6-3, complice il granitico muro di Polo su Vissotto. L’ace di Joao Rafael e l’ennesimo muro di Sabbi consentono ai biancorossi di doppiare Monza (10-5). Sul 16-11 per l’Exprivia, Falasca chiama il timeout con l’obiettivo di cambiare marcia, ma Thiaguinho mette subito a segno l’ace del 17-11. Nuovamente Polo a muro su Vissotto fa gioire il PalaPoli (19-12). L’Exprivia domina e conclude anche il secondo parziale con il punteggio di 25-17 (13esimo punto personale di Sabbi).

Il terzo parziale inizia invece all’insegna del grande equilibrio. Vissotto e Botto spingono Monza, Joao Rafael e Sabbi fanno sorridere Molfetta (8-8). Una magia dello schiacciatore brasiliano dell’Exprivia regala un minibreak a Molfetta (10-8), l’errore di Beretta allunga ulteriormente le distanze (12-9). Monza si riporta sotto (13-13), la pipe troppo lunga di Fromm dà all’Exprivia il punto del 20-18. Sotto 22-19, Monza recupera con veemenza grazie a un break in battuta di Fromm e all’ace di Verhees che riapre il match (26-28).

L’Exprivia torna in campo più convinta che mai, nonostante la sconfitta parziale. I molfettesi volano 5-1 e Falasca chiama subito il timeout. Joao Rafael continua a stupire con tocchi liftati e attacchi di seconda, Sabbi va a segno dai nove metri e questo vale il 10-5. L’opposto laziale si fa sentire pure a muro, Polo invece realizza un ace dal grande peso specifico (16-11). Sabbi continua a punire la difesa monzese in tutti i modi possibili, Vitelli fa lo stesso, per il 21-14 che mette in cassaforte la partita. L’Exprivia gestisce il vantaggio e vince 25-19.

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.