/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Fc Bari, contestazione dei tifosi allo stadio. Faccia a faccia tra delegazione ultras e squadra: “Onorate la maglia” – VIDEO

Fc Bari, contestazione dei tifosi allo stadio. Faccia a faccia tra delegazione ultras e squadra: “Onorate la maglia” – VIDEO

“Onorate la maglia”. Questo, in sintesi, il concetto che i tifosi del Bari hanno voluto mettere nelle mani della squadra nel corso della contestazione andata in scena oggi pomeriggio allo stadio San Nicola. Seguaci della Nord, Bulldog e Re David, i tre gruppi ultras che colorano la Curva Nord dell’astronave di Renzo Piano, avevano dato appuntamento a tutti i supporter biancorossi nei pressi dell’antistadio. Un breve e significativo discorso per rendere chiara a tutti l’idea che il tifo organizzato barese ha sul da farsi. Poi tutti insieme nel ventre del San Nicola, dove una piccola delegazione degli ultras ha avuto un faccia a faccia con calciatori, mister Colantuono e diesse Sogliano.

 

“Noi siamo ultras – ha detto uno dei rappresentanti dei Seguaci all’antistadio prima di far muovere il gruppo verso la porta 8 -. Toglietevi quindi dalla testa diserzioni in trasferta o robe simili. Sono cose già fatte in passato che non hanno sortito alcun effetto. Siamo qui per un motivo importante: siamo ancora in lotta per i playoff e abbiamo un obiettivo comune, che è quello di salvaguardare la squadra. Non accettiamo le prestazioni fatte nelle ultime partite, non accettiamo l’atteggiamento. C’è modo e modo di perdere. Bisogna tirare fuori gli attributi. E prima di chiederlo a loro, dobbiamo farlo noi. I giocatori non si toccano. Faremo i nostri cori, il nostro discorso e andremo via”.

 

Così è stato. Tanti cori, che vi mostriamo nelle immagini di Giosè Monno di Moab Eventi, e poi venti minuti di colloquio tra i rappresentati del tifo e l’entourage dei galletti. Nessun disordine, nonostante la presenza di centinaia di tifosi. Da registrare solo uno sfortunato episodio che pare abbia visto protagonista un signore sulla sessantina: l’uomo, mentre camminava sulla pista d’atletica dove è avvenuto il confronto tra squadre e tifosi, non ha visto la “siepe” che caratterizza la pista d’atletica. In pratica quella buca che nel corso delle gare viene riempita d’acqua. La buca era ovviamente vuota e l’uomo vi è finito dentro, rimediando, pare, una lesione all’anca prontamente curata prima dallo staff sanitario del Bari e poi dagli operatori del 118.

Fc Bari, contestazione dei tifosi allo stadio. Faccia a faccia tra delegazione ultras e squadra: “Onorate la maglia” – VIDEO
Watch the video

Fc Bari, contestazione dei tifosi allo stadio. Faccia a faccia tra delegazione ultras e squadra: “Onorate la maglia” – VIDEO

“Onorate la maglia”. Questo, in sintesi, il concetto che i tifosi del Bari hanno voluto mettere nelle mani della squadra nel corso della contestazione andata in scena oggi pomeriggio allo stadio San Nicola. Seguaci della Nord, Bulldog e Re David, i tre gruppi ultras che colorano la Curva Nord dell’astronave di Renzo Piano, avevano dato appuntamento a tutti i supporter biancorossi nei pressi dell’antistadio. Un breve e significativo discorso per rendere chiara a tutti l’idea che il tifo organizzato barese ha sul da farsi. Poi tutti insieme nel ventre del San Nicola, dove una piccola delegazione degli ultras ha avuto un faccia a faccia con calciatori, mister Colantuono e diesse Sogliano.

 

“Noi siamo ultras – ha detto uno dei rappresentanti dei Seguaci all’antistadio prima di far muovere il gruppo verso la porta 8 -. Toglietevi quindi dalla testa diserzioni in trasferta o robe simili. Sono cose già fatte in passato che non hanno sortito alcun effetto. Siamo qui per un motivo importante: siamo ancora in lotta per i playoff e abbiamo un obiettivo comune, che è quello di salvaguardare la squadra. Non accettiamo le prestazioni fatte nelle ultime partite, non accettiamo l’atteggiamento. C’è modo e modo di perdere. Bisogna tirare fuori gli attributi. E prima di chiederlo a loro, dobbiamo farlo noi. I giocatori non si toccano. Faremo i nostri cori, il nostro discorso e andremo via”.

 

Così è stato. Tanti cori, che vi mostriamo nelle immagini di Giosè Monno di Moab Eventi, e poi venti minuti di colloquio tra i rappresentati del tifo e l’entourage dei galletti. Nessun disordine, nonostante la presenza di centinaia di tifosi. Da registrare solo uno sfortunato episodio che pare abbia visto protagonista un signore sulla sessantina: l’uomo, mentre camminava sulla pista d’atletica dove è avvenuto il confronto tra squadre e tifosi, non ha visto la “siepe” che caratterizza la pista d’atletica. In pratica quella buca che nel corso delle gare viene riempita d’acqua. La buca era ovviamente vuota e l’uomo vi è finito dentro, rimediando, pare, una lesione all’anca prontamente curata prima dallo staff sanitario del Bari e poi dagli operatori del 118.

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.