/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

"Bari in Champions in 5 anni", la bufala malese 365 giorni dopo - IL VIDEO

"Bari in Champions in 5 anni", la bufala malese 365 giorni dopo - IL VIDEO

Esattamente un anno fa andò in scena la farsa Datò Noordin. L'ennesimo colpo basso per il popolo biancorosso, illuso e poi abbandonato dal malese. Quel giorno, al palazzo della Città Metropolitana, Datò Noordin fu accolto in pompa magna da duemila tifosi baresi e dal sindaco Antonio Decaro. E poco importava chi fosse. A sua garanzia c'era Gianluca Papararesta, il presidente. E tanto bastava per fidarsi e sognare finalmente un grande Bari. Peccato che presto tutto si rivelerà un bluff. A cominciare da quella conferenza stampa. Chi era Datò Noordin? Come intendeva finanziare l'investimento? Quali aziende appoggiavano l'iniziativa? A domanda non seguiva mai risposta. O meglio, arrivavano solo non risposte. Da un avvocato romano però, Grazia Iannarelli, che parlava per conto di un magnate. O presunto tale. Una barzelletta insomma. Come i viaggi itineranti tra Puglia e Malesia, le cene a base di pesce crudo e le visite alla squadra, con tanto di discorso all'interno dello spogliatoio. Datò Noordin promise la Champions League in cinque anni, facendo intendere forti legami con il governo malese, pronto a investire in Italia. Un'operazione da dieci milioni di euro per il 50% del club e la firma di un contratto preliminare di vendita. Peccato che quel bonifico si sia bloccato in chissà quale città del mondo. Sarà l'ingloriosa fine dell'era Paparesta.       

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.