/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Il Bari nella bufera, sconfitto e contestato: con il Verona crollo con un uomo in più

Il Bari nella bufera, sconfitto e contestato: con il Verona crollo con un uomo in più

Un Bari inguardabile, sconfitto e contestato. Al San Nicola il Verona passa anche in inferiorità numerica con le reti di Pazzini e Zuculini certificando la crisi deI biancorossi, autori dell'ennesima prestazione a dir poco deludente. Sono tre le sconfitte consecutive senza neppure fare un gol, una serie nera che trascina il Bari in dodicesima posizione. Solo la matematica tiene ancora in vita una squadra ormai spenta e demotivata. 

 

 LA GARA

 

Colantuono cambia e schiera il Bari con il 4-2-3-1: in attacco Martinho alle spalle di Maniero, sugli esterni Galano e Furlan. A centrocampo l'inedita coppia formata da Fedele e Greco, in difesa Moras e Tonucci centrali, Sabelli a destra e Daprelà a sinistra. Assenti gli infortunati Floro Flores, Brienza, Raicevic, Romizi e Ivan. Verona a trazione anteriore con Siligardi, Bessa e Luppi a sostegno di Pazzini. 

 

Inizio di gara equilibrato con le due squadre attente soprattutto a non concedere spazi. Da segnalare solo un colpo di testa alto di Pazzini su assist da destra di Rómulo. Nel Bari tra i più attivi il brasiliano Martinho, abile a muoversi tra le linee e creare scompiglio nella retroguardia gialloblù. La gara stenta a decollare. Il Bari si difende con ordine nella propria metà campo, il Verona mantiene il possesso palla ma non riesce a sfondare. Almeno sino al 35': su cross di Rómulo, una carambola impazzita tra  Moras, Luppi e Micai, favorisce la zampata vincente di Pazzini. Per il capitano del Verona si tratta del ventiduesimo centro stagionale. La reazione del Bari è immediata e produce, su assist di Daprelà, un colpo di testa di Furlan neutralizzato in tuffo da Nicolas. Sulla respinta del portiere poco reattivo Maniero anticipato dall'intervento di Ferrari. Il primo rimò tempo si chiude con il Verona in vantaggio e i fischi del pubblico del San Nicola.

 

La ripresa si apre con un Bari decisamente più arrembante. E dopo appena due minuti il solito Martinho costringe al secondo giallo Ferrari. Verona in dieci e Pecchia corre ai ripari: dentro Boldron fuori Siligardi. Ma a rendersi pericoloso è ancora l'undici di Pecchia prima con Pazzini e poi con un destro di Valoti neutralizzato da Micai. Colantuono sostituisce Martinho con Parigini e sposta Galano alle spalle di Maniero. E proprio il piccolo robben sfiora il pareggio con un destro dal limite di poco alto. Al 27' c'è il debutto in serie B per il giovane barese Portoghese, a fargli posto Daprelà.  Bari ridisegnato con il 3-4-2-1, con l'esterno offensivo della Primavera di Urbano a dar man forte in attacco a Galano e Maniero. Ma la mossa non si rivelerà delle più felici. Il Bari sbanda paurosamente a destra, Greco si fa bruciare da Bessa e Zuculini segna il gol del due a zero vanificando il miracoloso intervento di Micai su Valoti. E puntuale arriva anche la vibrante contestazione dei tifosi biancorossI. "Vergognatevi" la scritta apparsa su uno striscione al centro della Curva Nord, poi cori di scherno all'indirizzo dei calciatori. Nel finale espulso per proteste Parigini. Il Bari cade anche al San Nicola e si allontana sempre più dalla zona play off. 

 

 

 

 

 

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato ne venduto a terzi come da richiesta del GDPR.