Home Sport Il Bari sfata il tabù trasferta e vola in testa alla classifica:...

Il Bari sfata il tabù trasferta e vola in testa alla classifica: a Novara decidono Petriccione e Anderson

Il Bari sfata il tabù trasferta e vola al primo posto in classifica, insieme al Parma. Un evento che non accadeva dai tempi del Bari di Antonio Conte, stagione 2008-2009. A decidere la gara di Novara i primi gol con la maglia biancorossa di Petriccione e Anderson. E Bari che fuori casa ritrova una vittoria che mancava dallo scorso febbraio. In attesa della sfida tra Palermo e Cittadella, facile comunque prevedere un San Nicola da record nel derby di domenica con il Foggia, gara che non vedrà presenti i sostenitori rossoneri. A Novara il Bari pur non disputando una delle sue migliori partite, ha saputo soffrire e colpire al momento giusto. A inizio ripresa con Petriccione, a fine gara con Anderson, entrambi serviti da un ottimo Tello. Inutile a fine gara il gol dell’ex Maniero. Una prova matura dei biancorossi, così come chiesto alla vigilia dal tecnico Fabio Grosso.     

Un solo cambio rispetto alla squadra scesa in campo contro il Pescara, Basha per Busellato. In difesa davanti a Micai ci sono Anderson, Tonucci, Gyomber e Fiamozzi. A centrocampo Tello, Basha e Petriccione. In attacco il tridente Galano, Cissè e Improta. Nel Novara in panchina l’ex Maniero. 

 

Inizio di gara a ritmi bassi. A farsi preferire è il Novara con il veloce Da Cruz a mettere in apprensione la difesa biancorossa. Il Bari preferisce giocare con pazienza, ma il giro palla è troppo lento per facilitare le giocate di Improta e Galano. Al 25′ il primo tentativo della formazione di Corini, bravo Micai a neutralizzare la conclusione di Dickmann. Poi è Da Cruz a sfiorare il gol con una conclusione di destro terminata di poco a lato. Primo tempo sotto rirmo del Bari, mai pericoloso dalle parti di Montipò. Nel finale Claderoni per Macheda, anticipato sotto misura da Gyomber. Si chiude con il punteggio di zero a zero. 

 

Parte forte il Bari nel secondo tempo. Da destra cross di Tello e colpo di testa di Cissè neutralizzato con bravura da Montipò. E’ il preludio al gol del vantaggio. Ancora Tello si incunea in area e serve Petriccione libero di battere in rete da pochi passi il portiere del Novara. Si tratta del primo gol in campionato per l’ex centrocampista della Ternana. Ripresa decisamente più brillante rispetto ai primi 45 minuti di gioco. Il Bari però dopo un buon inzio soffre il ritorno della squadra di Corini, vicina al pareggio le conclusione di Dickmann, Macheda e Mantovani. In campo anche l’ex Maniero al posto di Macheda. Per il Bari fuori Basha dentro Busellato. Ma è ancora il Novara a sfiorare la rete con un destro al volo di poco alto di Moscati e un tentativo da pochi passi di Di Mariano sventato miracolosamente da Micai. La risposta degli uomini di Grosso è tutta in un destro di Anderson che Galano non riesce a spingere in rete da pochi passi. Poi è lo stesso Anderson su azione di ripartenza a chiudere definitivamente il match. Allo scadere l’inutile gol dell’ex di Maniero. Due a uno il risultato finale, tabù trasferta sfatato e Bari primo in classifica. 

 

 

 

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo