/* pubblicità google */ /* pubblicità automatica negli articoli */

Al San Nicola vince la noia: tra Bari e Parma finisce senza reti

Al San Nicola vince la noia: tra Bari e Parma finisce senza reti

Al San Nicola vince la noia. Bari e Parma preferiscono non farsi male e conquistano un punto a testa, quasi una rarità per le due squadre. Una gara priva di emozioni, ritmi bassi e poche occasioni da rete. Gli uomini di Grosso hanno provato a fare la partita ma non sono mai riusciti a rendersi realmente pericolosi. Poco incisivi Galano e Improta. Resta comunque un punto prezioso, ottenuto contro una diretta concorrente alla serie A, nonostante il sorpasso del Frosinone e il terzo posto in classifica. Giovedì sera si chiude sul campo del Carpi. 

 

Due cambi rispetto alla squadra scesa in campo a Perugia: dentro Cassani e Petriccione, fuori D'Elia e Basha. Conferma per Nenè al centro dell'attacco. Nel Parma dal primo minuto gli ex Di Cesare, Scavone e Dezi. 

 

Inizio di gara equilibrato. Il Bari prova a fare la partita, il Parma resta raccolto nella propria metà campo, pronto a colpire in ripartenza. La formazione di D'Aversa prova a sfondare soprattutto a sinistra con il vivacissimo Di Gaudio, abile a saltare Tonucci ma impreciso nell'ultimo passaggio. Nel Bari da segnalare un destro di Improta neutralizzato da Frattali. Il gioco stenta però a decollare. Le due squadre preferiscono non scoprirsi, concedendo poco allo spettacolo. Il primo tempo si chiude sul punteggio di zero a zero. 

 

Anche il secondo tempo si apre all'insegna dell'equilibrio. Il Bari ci prova con un destro di Improta, poi è Baraye per il Parma a non sfruttare una preziosa occasione in ripartenza. Grosso cambia: dentro Brienza e Floro Flores, fuori Iocolano e Nenè. Ma è il Parma a presentarsi pericolosamente davanti a Micai con Di Gaudio, impreciso nella conclusione a rete. Poche le emozioni, le squadre faticano a cambiare ritmo e produrre occasioni. Nel Bari in campo anche Kozak per Galano, D'Aversa sostituisce DI Cesare e Baraye con Sierralta e Siligardi. E proprio Kozak si fa anticipare da Lucarelli a pochi metri da Frattali. Nel finale conclusione di Tello di poco alta. Sarà l'ultima occasione della partita. 

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS

Utilizziamo cookies per fornirti la miglior esperienza di navigazione. Nessun tuo dato sensibile sarà salvato.