Home Sport Fc Bari, Giancaspro chiama a raccolta i tifosi e spara nel mucchio:...

Fc Bari, Giancaspro chiama a raccolta i tifosi e spara nel mucchio: “Lasciate perdere i mistificatori di professione”

“Accetto critiche solo dai tifosi e a patto che siano rivolte al sottoscritto”. Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro rompe il silenzio con un lungo comunicato stampa dopo le due sconfitte che hanno fatto scivolare il Bari all’ottavo posto in classifica, quasi fuori dalla zona playoff. L’imprenditore molfettese rimarca anche la fiducia nei confronti del direttore sportivo Sean Sogliano e dell’allenatore Fabio Grosso. In merito all’indagine della Procura di Trani sul crac del Gruppo Ciccolella, Giancaspro parla di “strumentalizzazione di alcune vicende i cui reali contorni sono ben diversi da quelli artatamente divulgati dai soliti centri di potere di una parte dell’opinione pubblica. Ho la convinzione – continua il presidente del Bari – che l’inevitabile disorientamento discendente dalla indebita diffusione di ipotesi, congetture, illazioni ed opinioni, abbia avuto una incidenza sulla recente flessione del rendimento della squadra sul campo”. Infine l’invito, sempre rivolto ai sostenitori biancorossi, a “lasciar perdere i mistificatori di professione” e a “rimanere vicini a questa squadra, al suo allenatore e a chi ogni giorno lavora per migliorare e far crescere i colori biancorossi. Ora dovete scendere in campo anche Voi. Dobbiamo reagire insieme”.

 

Di seguito pubblichiamo il comunicato nella sua interezza.

 

Il prossimo anno potrebbe essere un anno di svolta per il futuro del nostro club. Siateci vicino, soprattutto nei momenti di difficoltà che certamente vi saranno, ed aiutateci a crescere. Questo era quello che Vi scrivevo appena 39 giorni fa, come auspicio per l’inizio del nuovo anno. Da allora, con una impressionante e non casuale concomitanza rispetto al formale avvio dell’iniziativa imprenditoriale più importante dei prossimi anni per l’intera città, avete assistito ad una incredibile strumentalizzazione di alcune vicende i cui reali contorni, come verrà chiarito nelle sedi competenti, sono ben diversi da quelli artatamente propalati dai soliti centri di potere di una parte dell’opinione pubblica. Sono certo che la realtà dei fatti sarà presto ristabilita. Tuttavia, ho la convinzione che l’inevitabile disorientamento discendente dalla indebita diffusione di ipotesi, congetture, illazioni ed opinioni, abbia avuto una incidenza sulla recente flessione del rendimento della squadra sul campo. Non intendo, però, accampare alibi di sorta, per quanto ritenga complessivamente soddisfacente l’operato dello staff tecnico. Anche io, come Voi, sono rimasto deluso dalle ultime due prestazioni sportive. Anche io, come Voi, esigo la massima concentrazione in ogni minuto di ogni partita. Ma prima e più di me, Vi assicuro che lo esigono sia il Direttore Sportivo e sia l’Allenatore, unitamente ai rispettivi staff. Con tutti loro ho instaurato rapporti a lungo termine ed intendo coltivarli fino in fondo. Sono convinto, oggi più di ieri, delle loro qualità personali e professionali, della loro estrema serietà, della loro profonda dedizione al lavoro. Sono loro che guideranno i calciatori a riprendere la strada delle prestazioni che hanno caratterizzato l’intero girone d’andata. Insieme a loro ho guardato negli occhi tutti i ragazzi che lavorano con noi, dai magazzinieri fino al capitano. Non esiste una sola persona che non sia desiderosa di dimostrare a tutti Voi l’impegno che meritate. Accetto ogni critica, anche quella più sferzante, a due condizioni: deve provenire direttamente da Voi e va rivolta soltanto al sottoscritto. Non consentite a nessuno di farVi condizionare. Ero e sarò sempre pronto ad ascoltare chiunque di Voi. Ma sono certo che ciascuno di Voi è perfettamente consapevole della necessità del rispetto dei ruoli, per cui ogni scelta tecnica spetta alla società e rientra nelle mie responsabilità. Le mie scelte sono queste e non ho alcun motivo per modificarle; Sean Sogliano e Fabio Grosso Vi renderanno orgogliosi di essere tifosi del Bari. Adesso è uno di quei momenti di difficoltà cui facevo riferimento il 31 dicembre 2017. Sono consapevole che questi momenti li avete vissuti numerose volte negli ultimi anni. Ma non serve piangersi addosso, dobbiamo reagire insieme. Non servono processi sommari, non servono rivolte di piazza, ma il coraggio di credere in ciò che stiamo realizzando giorno dopo giorno. Lasciate perdere i mistificatori di professione e siate vicini a questa squadra, al suo allenatore e a chi ogni giorno lavora per migliorare e far crescere i colori biancorossi. Ora dovete scendere in campo anche Voi. Io sarò al Vostro fianco. Cosmo Antonio Giancaspro

Riceverai una mail per la validazione dell'iscrizione. Leggi la nostra guida alla privacy

Dì la tua! Commenta l'articolo