12 C
Comune di Bari
mercoledì 14 Aprile 2021
Home Attualità Coronavirus, 5 punti per riaprire l’Italia: proposta scientifica del gruppo di lavoro...

Coronavirus, 5 punti per riaprire l’Italia: proposta scientifica del gruppo di lavoro che coinvolge Burioni, Lopalco e Anelli

Da leggere

Una proposta scientifica in 5 punti per riaprire l’Italia. Passaggi necessari per gestire in modo sicuro la transizione dalla fase pandemica a quella endemica. A redigere il documento, pubblicato da Medical Facts di Roberto Burioni, un gruppo di esperti: tra questi anche Pier Luigi Lopalco, l’epidemiologo che guida la task force pugliese, e Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e dell’Ordine di Bari.

La questione è come gestire il periodo forzato di convivenza con il coronavirus in attesa che sia somministrabile sulla popolazione un vaccino – in tanti dicono non prima del 2021 – o che sia individuata una cura efficace tra quelle già esistenti. Va detto innanzitutto che sono tre i fattori che influiscono sulla tempistica di questo passaggio: rispetto delle misure di distanziamento sociale, immunità naturale dei soggetti già colpiti e stagionalità dei virus respiratori. Tutti aspetti i cui sviluppi non sono ancora ben definiti. Su quali possano essere, dunque, le strategie sanitarie a medio-lungo termine, cioè una volta registrate almeno due-tre settimane di trend stabile verso un numero molto basso di contagi e morti, la proposta è molto chiara.

Si basa principalmente sulla creazione di una struttura di monitoraggio flessibile sia dell’infezione che della malattia che ne consegue. Una struttura che abbia:

1) capacità e risorse per eseguire un altissimo numero di test sia virologici che sierologici nella popolazione asintomatica;

2) una cabina centrale potenziata presso l’Istituto Superiore di Sanità in grado analizzare tempestivamente i dati dalle varie regioni;

3) un rafforzamento della capacità regionale di sorveglianza epidemiologica per rilevare precocemente possibili focolai;

4) gli strumenti legali per consentire alle autorità di prendere provvedimenti laddove vi siano segnali di ritorno del virus, eventualmente anche con l’ausilio della tecnologia con app e sistemi di tracciamento della posizione e intervenendo sull’organizzazione delle strutture sanitarie;

5)  e infine una strategia comunicativa concordata con gli organi di informazione per tenere al corrente i cittadini mettendoli al riparo dalle fake news.

Un percorso epidemiologico e virologico che lo stesso gruppo di esperti giudica certamente molto oneroso da un punto di vista economico e che dovrà essere accompagnato da un piano complessivo di limitazione del rischio nei luoghi di lavoro e nel sistema educativo scolastico. Nella speranza che subito dopo si possa ritrovare una normalità vera senza nuove frenate lungo il tragitto.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche