15.2 C
Comune di Bari
sabato 10 Aprile 2021
Home Apertura Dai lidi alle spiagge libere, dalle piscine alle palestre: linee guida e...

Dai lidi alle spiagge libere, dalle piscine alle palestre: linee guida e distanze per la riapertura. Novità anche nei ristoranti

Da leggere

Schede tecniche dettagliate che contengono indirizzi operativi specifici validi per i singoli settori di attività. Sono le linee guida derivanti dall’accordo tra Governo e Regioni per la riapertura, nella cosiddetta ‘fase 2’ dell’emergenza coronavirus, che mirano a tutelare la salute di utenti e lavoratori. In particolare, in ogni scheda sono integrate le diverse misure di prevenzione e contenimento riconosciute a livello scientifico per contrastare la diffusione del contagio, tra le quali: norme comportamentali, distanziamento sociale e contact tracing.

Un’importante novità arriva nell’ambito della ristorazione. Tra le indicazioni – che si applicano per ogni tipo di esercizio di somministrazione di pasti e bevande, quali ristoranti, trattorie, pizzerie, self-service, bar, pub, pasticcerie, gelaterie e rosticcerie – c’è ovviamente quella relativa alla distanza tra i clienti che scende a 1 metro di separazione. “Negli esercizi che dispongono di posti a sedere – si legge nel documento – bisognerà privilegiare l’accesso tramite prenotazione e mantenere l’elenco dei soggetti che hanno prenotato, per un periodo di 14 giorni”. Iniziativa evidentemente utile nell’ambito del contact tracing.

Dovranno mantenere per 14 giorni le prenotazioni anche i proprietari degli stabilimenti balneari, che dovranno assicurare un distanziamento tra gli ombrelloni – o altri sistemi di ombreggio – in modo da garantire una superficie di almeno 10 metri quadri per ogni ombrellone, indipendentemente dalla modalità di allestimento della spiaggia. Tra lettini e sedie a sdraio, quando non posizionate nel posto ombrellone, deve essere garantita una distanza di almeno un metro e mezzo. “Per quanto riguarda le spiagge libere – è scritto -, si ribadisce l’importanza dell’informazione e della responsabilizzazione individuale da parte degli avventori nell’adozione di comportamenti rispettosi delle misure di prevenzione. Al fine di assicurare il rispetto della distanza di sicurezza di almeno 1 metro tra le persone e gli interventi di pulizia e disinfezione dei servizi eventualmente presenti si suggerisce la presenza di un addetto alla sorveglianza. Anche il posizionamento degli ombrelloni dovrà rispettare le indicazioni sopra riportate”.

Per quanto concerne le piscine, i gestori dovranno redigere un programma delle attività il più possibile pianificato in modo da dissuadere eventuali condizioni di aggregazioni e da regolamentare i flussi degli spazi di attesa e nelle varie aree per favorire il rispetto del distanziamento sociale di almeno 1 metro. Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, anche qualora depositati negli appositi armadietti. La densità di affollamento nelle aree solarium e verdi è calcolata con un indice di non meno di 7 metri quadri di superficie di calpestio a persona. La densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 metri quadri di superficie di acqua a persona. Il gestore pertanto è tenuto, in ragione delle aree a disposizioni, a calcolare e a gestire le entrate dei frequentatori nell’impianto. Come di consueto è obbligatorio l’uso della cuffia, è vietato sputare, soffiarsi il naso e urinare in acqua e ai bambini molto piccoli bisognerà far indossare i pannolini contenitivi.

Anche i proprietari delle palestre dovranno mantenere l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni. Regolamentare i flussi, gli spazi di attesa, l’accesso alle diverse aree, il posizionamento di attrezzi e macchine, anche delimitando le zone, al fine di garantire la distanza di sicurezza: di almeno 1 metro per le persone mentre non svolgono attività fisica, di almeno 2 metri durante l’attività fisica.

La separazione di un metro, tra le singole postazioni di lavoro e tra i clienti, dovrà essere rispetta anche da parrucchieri ed estetisti. L’area di lavoro, laddove possibile, può essere delimitata da barriere fisiche adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. L’operatore e il cliente, per tutto il tempo in cui, per l’espletamento della prestazione, devono mantenere una distanza inferiore a 1 metro devono indossare, compatibilmente con lo specifico servizio, una mascherina a protezione delle vie aeree. In particolare per i servizi di estetica, nell’erogazione della prestazione che richiede una distanza ravvicinata, l’operatore deve indossare la visiera protettiva e mascherina FFP2 senza valvola.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche