Home Attualità ‘Zoom su Rodari’, il laboratorio teatrale ai tempi del Covid è online:...

‘Zoom su Rodari’, il laboratorio teatrale ai tempi del Covid è online: esperimento riuscito all’istituto Margherita

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Un laboratorio teatrale iniziato a febbraio in aula e finito a maggio davanti al monitor di un computer. In mezzo, l’emergenza coronavirus che non ha demoralizzato il direttore artistico del progetto Dino Parrotta, né tantomeno gli 80 bambini che vi hanno partecipato. L’esperimento riuscito dell’Istituto Margherita di Bari ha un nome: ‘Zoom su Rodari’ e a spiegarne contenuto e significato è proprio Parrotta.

“Nel mese di febbraio abbiamo iniziato un laboratorio teatrale presso il Margherita al quale hanno aderito tre classi – dice il regista -. L’emergenza sanitaria, come sappiamo, ha chiuso le scuole e innescato la necessità di inventarsi una didattica a distanza. Il corso di teatro aveva appassionato sin da subito i bambini, così abbiamo deciso di sperimentare il teatro online, utilizzando la piattaforma ‘zoom’. In occasione dei 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari avevamo scelto di concentrare il nostro lavoro su di lui e così, giocando anche con il nome della piattaforma, abbiamo realizzato il nostro personalissimo focus”.

Le quattro storie rielaborate dal regista Parrotta per una drammaturgia adatta a un gruppo classe sono state: Il mercato delle parole, sul tema della sensibilizzazione all’arricchimento del lessico e sulla sincerità d’animo, La guerra delle campane, sul tema della Pace e l’assurdità della guerra, Tonino l’invisibile, sul tema dell’amicizia e dell’inclusione, e Gli esami di Arlecchino, sul tema degli esami e sul fatto che per superarli non esistono metodi miracolosi ma solo studio e dedizione. “Consapevoli che il teatro è movimento, relazione, socialità e fisicità abbiamo fatto di necessità virtù – conclude Parrotta -. Ci siamo concentrati sulle tecniche di lettura espressiva e il risultato è stato positivo, divertente ed emozionante”.

Ottimo anche il feedback dei genitori dei bambini. “Un successo – spiega Alessandra, mamma di Zoe, bambina di 10 anni iscritta al Margherita -. In questi mesi la didattica a distanza ha messo a dura prova i nervi di noi genitori. Non eravamo alla prima esperienza di un laboratorio teatrale ma, inizialmente, la scelta di farlo proseguire online, da parte nostra, è stata accolta con molto scetticismo. I bambini, al contrario, erano al settimo cielo. Il loro entusiasmo ha trascinato anche noi, il maestro Parrotta si è dimostrato abilissimo anche da un punto di vista tecnologico e il risultato è stato straordinario”.

Uno spettacolo di marionette, tutte create dai bambini, in un video, sapientemente montato da Parrotta, che rappresenta un moderno teatro dei burattini: piccoli avatar degli stessi studenti che, seguendo il filo rosso di Gianni Rodari, hanno dato vita a qualcosa di speciale. Nonostante il coronavirus.

Lascia un commento

Inserisci un commento!
Inserisci il tuo nome qui