13.6 C
Comune di Bari
martedì 13 Aprile 2021
Home Attualità Scuola, protesta dei sindacati a Bari: “Servono assunzioni”. No al plexiglas tra...

Scuola, protesta dei sindacati a Bari: “Servono assunzioni”. No al plexiglas tra i banchi a settembre

Da leggere

Anche la scuola pugliese ha aderito alla protesta nazionale contro il decreto del Governo chiedendo più risorse per investimenti in edilizia scolastica e assunzioni. A Bari le segreterie regionali di Gilda, Uil Scuola, Flc Cgil, Cisl Scuola e Snals Confsal – insieme a rappresentanti di studenti e docenti precari – hanno manifestato con un sit-in davanti alla sede dell’ufficio scolastico regionale.

Dicono “no al plexiglas per ingabbiare i bambini”, ricordando che in Puglia una delle principali criticità è quella delle “classi pollaio, fino anche a 32 alunni – dice Vito Carlo Castellana del Gilda – che rendono impossibile pensare ad una ripresa a settembre in sicurezza. L’unica strategia per riprendere il nuovo anno scolastico con la didattica in presenza – secondo il sindacalista – è raddoppiare gli organici e dimezzare le classi”.

Giovanni Verga, della Uil Scuola, ricorda poi che “in Puglia il 44% delle famiglie è senza device, il 33% alunni disabili è stato abbandonato. Lo Stato dovrebbe approfittare di questa occasione per fare investimenti in infrastrutture e organici e dare dignità alla scuola pubblica, utilizzando per esempio contenitori abbandonati come è stato fatto con le sale di rianimazione”.

Il segretario Flc Cgil Puglia, Claudio Menga, evidenzia l’insufficienza delle risorse messe a disposizione: “1,4 miliardi destinati al settore scuola non bastano, serve almeno raddoppiarli”. Roberto Calienno, della Cisl Scuola, quantifica in “7-8 miliardi di euro le risorse che servirebbero. Scioperiamo oggi – dice – per il diritto allo studio dei 562mila studenti pugliesi e per la dignità dei 55mila docenti e 15mila del personale Ata”. “Oggi la scuola – conclude Chiara De Bernardo dello Snals – è diventata volontariato e improvvisazione di fronte ad uno Stato assente. Vogliamo regole certe”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche