11.3 C
Comune di Bari
giovedì 22 Aprile 2021
Home Attualità In Tribunale misure anti-Covid ‘troppo severe’, penalisti di Bari non ci stanno:...

In Tribunale misure anti-Covid ‘troppo severe’, penalisti di Bari non ci stanno: “Ormai è così solo da noi”

Da leggere

Maglie larghe un po’ dappertutto, tranne che in Tribunale. È questo, in estrema sintesi, il pensiero degli avvocati penalisti di Bari rispetto alle norme anti-Covid vigenti a un mese dall’inizio della cosiddetta fase 2. E così, attraverso una nota inviata ai capi degli uffici giudiziari, chiedono di “attualizzare le misure di contenimento rispetto al contesto generale italiano e in particolare pugliese, attenuandone la severità secondo quanto sta avvenendo in qualsiasi in qualsia altro settore”.

“L’emergenza che ha drammaticamente afflitto l’Italia e la Puglia in questi ultimi mesi si sta per fortuna via via attenuando – scrivono gli avvocati in una nota a firma del presidente del Consiglio Direttivo della Camera Penale di Bari, Guglielmo Starace -. Non vi è settore merceologico o sociale che non abbia sostanzialmente ripreso a offrire servizi di carattere generale, senza limitazioni diverse dal contenimento numerico degli accessi, uso della mascherina e distanziamento sociale. Riparte il campionato di calcio. Riaprono spiagge e palestre. C’è libertà di movimento in tutta Italia”.

Il quadro della situazione, dicono i penalisti, “non può che condurre a ritenere probabilmente fuori contesto, a maggior ragione essendo l’amministrazione della Giustizia un servizio sicuramente essenziale, le forti limitazioni che caratterizzano l’attività giudiziaria in questo momento presso il Tribunale di Bari. Una volta di più considerato il fatto che gli uffici giudiziari dove è assolutamente più facile mantenere uno stretto controllo della situazione già per il fatto che si tratta di un luogo prevalentemente frequentato da persone, quando non già note, comunque tutte agevolmente individuabili”.

Due, quindi, i campi d’azione per cui gli avvocati chiedono di riconsiderare le misure in atto. Quello delle udienze e quello degli accessi per adempimenti di cancelleria e di segreteria. “Con riferimento alle udienze – sostengono dalla Camera Penale – riteniamo che l’attuale situazione consenta di aumentare il numero dei processi che posso essere trattati. Utilizzando altresì le aule disponibili nel Palazzo di Giustizia di piazza De Nicola”.

Per quanto riguarda, invece, gli accessi per adempimenti diversi dalle udienze i penalisti chiedono, di fatto, di limitare le misure al solo contingentamento del numero dei soggetti contemporaneamente presenti in Tribunale. Eccessive, considerata la situazione epidemiologica e osservato il contesto delle altre realtà, le norme che prevedono la necessità di prenotazione e la limitazione degli accessi per fasce orarie.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!