Home Attualità Piante, giostre e panchine: inaugurato a Bari il nuovo parco dell’ospedale Pediatrico...

Piante, giostre e panchine: inaugurato a Bari il nuovo parco dell’ospedale Pediatrico – VIDEO

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Un viale pedonale circondato da manto erboso e ombreggiato da alberi ad alto fusto. È stato inaugurato questa mattina il nuovo ingresso dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari su via Amendola: stop ad auto e asfalto, a loro posto un parco attrezzato.

“La cura dei pazienti non passa solo attraverso terapie e trattamenti medici, ma anche attraverso la bellezza e l’accoglienza dei luoghi – spiega il direttore generale del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore -. Ci sono diversi studi, peraltro, che dimostrano come il modo in cui viene vissuta e percepita l’esperienza della malattia sia influenzato, oltre che dai fattori sanitari, dalle caratteristiche degli ambienti fisici con ricadute dirette sui percorsi clinici. La bellezza, insomma, aiuta a curare e la realizzazione del parco, un intervento di umanizzazione dell’ospedale, va esattamente in questa direzione”.

La nuova area verde, composta in tutto da 45 alberi e centinaia di arbusti, si estende su una superficie di 5mila metri quadri e al suo interno è stato installato uno spazio giochi che renderà l’attesa di una visita meno pesante per i piccoli pazienti. Sul sedime di quella che era una strada asfaltata, tra la palazzina principale e quella amministrativa, è stato realizzato un agrumeto con 15 alberi tra limoni, mandarini e aranci. Nel giardino sono stati piantati alberi ornamentali che assicureranno fioriture in tutto l’arco dell’anno: jacaranda, falso pepe, albero di giuda, albizzia e un carrubo secolare.

L’area giochi, con pavimento anti trauma, ha giostre accessibili ai bambini diversamente abili, due altalene e giochi a molla montati direttamente sul prato. A supportare il Policlinico di Bari nella realizzazione delle nuove aree a verde dell’ospedale pediatrico è stata l’Asset, Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio.