Home Attualità Focolaio a Polignano, dopo 10 giorni azzerati nuovi contagi: eseguiti mille tamponi

Focolaio a Polignano, dopo 10 giorni azzerati nuovi contagi: eseguiti mille tamponi

Tempo di lettura stimato: < 1 minuto

Nuovi contagi azzerati a Polignano e Monopoli. In dieci e giorni il Dipartimento di Prevenzione della ASL Bari ha sostanzialmente spento il focolaio sviluppatosi nell’azienda ortofrutticola Sop e che ha interessato la comunità locale e diversi altri centri in provincia di Bari. Con i tamponi eseguiti oggi, dai quali non è emerso alcun nuovo caso, si può tracciare un primo bilancio dell’attività svolta: quasi 1000 tamponi eseguiti e 146 positività riscontrate nel Barese, di cui 86 a Polignano e 33 a Monopoli, i centri maggiormente colpiti dal contagio.

Dopo i primi 159 tamponi eseguiti sui dipendenti dello stabilimento già dal 7 settembre, dai quali è emersa la positività di 78 soggetti, si è proceduto secondo un protocollo operativo che ha tenuto conto della stratificazione del rischio, in parallelo con l’attività di sorveglianza sui contatti stretti dei positivi accertati. L’attività di tracciamento dei contatti stretti dei dipendenti, impegnati all’interno e all’esterno dello stabilimento ortofrutticolo, si è ben presto allargata per assicurare un’azione di screening, in particolare ai residenti del territorio polignanese. La tenda per eseguire i tamponi è stata affiancata da un container attrezzato, in modo da separare le linee di tamponamento tra i soggetti legati all’azienda indice e tutti gli altri, garantendo in sicurezza sia l’accesso pedonale sia la possibilità di eseguire il test in auto, con una postazione drive-through dedicata.

La guardia, però, resta alta. L’attività di sorveglianza epidemiologica del Dipartimento di Prevenzione della ASL Bari continua per rilevare tempestivamente e spegnere sul nascere possibili “code” di nuovi contagi. E per non vanificare gli sforzi fatti, è fondamentale che la cittadinanza continui ad osservare tutte le regole anti-contagio: controllo della febbre, igiene frequente delle mani, distanziamento fisico e uso della mascherina.