11.9 C
Comune di Bari
domenica 18 Aprile 2021
Home Attualità Regionali, il ministro Boccia: "La spallata al Governo è andata male"

Regionali, il ministro Boccia: “La spallata al Governo è andata male”

Da leggere

“Se qualcuno pensava di darci la spallata attraverso le regionali, pur sbagliando il campo di gioco, è andata male. Penso che faranno altre valutazioni”. Lo ha detto il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia, a Bari. “Sono sei mesi – ha aggiunto – che la spallata dovevano darcela sulla gestione sanitaria, dove per fortuna abbiamo lavorato tenendo per mano gli italiani e tenendoci per mano, ed è andata bene”.

“I professionisti della spallata – ha continuato il ministro – sono sempre pronti. Dovevano darcela sull’Europa e anche lì l’Europa alla fine ha seguito una rotta costruita dall’Italia e dagli italiani. Da Conte e da Gentiloni. Poi c’era la scuola, poi le elezioni regionali. Io faccio un appello all’opposizione: confrontiamoci, manteniamo distinte le posizioni, controllate ogni cosa che facciamo ma avere l’ossessione della spallata non porta bene. E secondo me non è utile però sono sempre disponibile al confronto”. “Avevamo detto – ha concluso – che non erano le regionali il banco di prova del governo ma le cose che il governo fa, dall’emergenza sanitaria a quella sociale a quella economica. E su quello vogliamo essere giudicati e noi riteniamo che il giudizio sia positivo”.

“Il referendum è andato come il Partito democratico aveva auspicato e sperato, io penso che sia il primo passo di una stagione che mi auguro nuova sulle riforme costituzionali”. Lo ha detto a Bari il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia. “Non si fanno le modifiche della Costituzione a colpi di maggioranza – ha aggiunto -, hanno votato sì alcuni partiti di opposizione e mi auguro che ci possa essere la disponibilità per aprire una fase di confronto a tutto tondo sulle modifiche che inevitabilmente sarà necessario fare. Ho rispettato i punti di vista di tutti, lo abbiamo fatto anche dentro il nostro partito e penso che sia stato un arricchimento della democrazia italiana”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche

Buon 48esimo Telebari!