34.5 C
Comune di Bari
martedì 27 Luglio 2021
Home Attualità Scuola, Emiliano con Lopalco e Leo a Molfetta: “Negli istituti per verificare...

Scuola, Emiliano con Lopalco e Leo a Molfetta: “Negli istituti per verificare il rispetto delle norme anti Covid”

Notizie da leggere

“Noi oggi cominciamo un giro di supporto nei confronti del mondo della scuola e anche di verifica di tutto quello che sta avvenendo. Abbiamo fatto una scelta, quella di incominciare il 24 e non il 7 settembre, e credo sia stata una scelta della Regione Puglia apprezzata da tutti, perché cominciare prima sarebbe stato difficile e anche rischioso”. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine di una visita nell’Istituto comprensivo Manzoni-Poli di Molfetta nel primo giorno di scuola.

Emiliano era accompagnato dall’epidemiologo Pieluigi Lopalco, futuro assessore regionale alla Sanità, e dall’assessore Sebastiano Leo. È il primo di una serie di sopralluoghi nelle scuole pugliesi per verificare il rispetto delle misure anti-Covid e prevedere tutti gli scenari osservando gli ambienti funzionanti.

“Questo lavoro di supporto nei confronti della scuola – ha spiegato Emiliano – durerà tutto l’anno. Iniziamo oggi da Molfetta, è una scelta del tutto casuale, è il luogo dal quale mandiamo un saluto a tutti i nostri insegnanti, i nostri collaboratori scolastici, a tutte le persone che stanno lavorando oggi e naturalmente a tutti gli studenti e genitori”.

“Inizia un viaggio per capire come possiamo aiutare la scuola pugliese a difendersi dal Covid. Frenare la scuola è come frenare il futuro del Paese. Ecco perché – ha detto Emiliano durante una diretta Facebook dalla scuola di Molfetta – il Governo, tutti gli insegnanti e tutto il personale non vedevano l’ora che la scuola ritornasse, perché è un luogo di passione, di impegno, di determinazione e amore verso i nostri ragazzi”.

“Le scuole – ha concluso Emiliano – sono state a lungo sacrificate nella battaglia contro il Covid, sono state chiuse per moltissimi mesi, e questo ha certamente provocato molti problemi alle famiglie e alla didattica. Sono centinaia le scuole che oggi hanno riaperto e migliaia gli studenti che hanno ripreso la frequenza. Non è detto che da subito tutto funzioni bene. Dobbiamo registrare meglio trasporti e tante altre cose. Segnalateci le cose che possono essere gestite meglio e fate domande”.


Iscriviti per rimanere aggiornato sui fatti della città di Bari.

Guarda anche